C’era una volta 2×17: recensione dall’episodio

Ci siamo mai chiesti cosa ci fosse prima di Storybrooke o quante altre vite avesse cambiato la maledizione scagliata dalla Regina Cattiva? Dopotutto, si tratta di attraversare dimensioni spazio temporali, non di fare semplicemente una gita oltreoceano!
Ritorniamo alle origini di Storybrooke e ritorna anche qualche personaggio scomparso. E, abituati a pensare a Storybrooke come ad una terra senza passato, ci rendiamo conto solo ora che non avevamo mai pensato a come tutto fosse cominciato, al periodo d’assestamento non tanto dei personaggi delle fiabe, quanto all’adattamento di coloro la cui memoria non era stata intaccata dalla maledizione: Regina e Tremotino.
Ma, mentre Tremotino sembra aver imparato molto dalla sua stessa crudeltà, Regina è ancora in transizione. Animata dalla vendetta, ha pur sempre qualche punto debole che non manca mai di mostrare, probabilmente perché tutta la sua vita sembra tornare sempre al punto di partenza. Tutto quello che la Regina di oggi sta vivendo, l’ha già vissuto la Regina del mondo delle fiabe e quella delle origini di Storybrooke, sempre tesa irresistibilmente verso l’amore per Henry e verso l’amore per se stessa, in una situazione di bilico che, ancora, sembra non riuscire a trovare soluzione.
Intanto, a Storybrooke, se pur collegati al passato, continuano ad arrivare nuovi personaggi, quasi come se i creatori della serie stessero invocando una specie di deus ex machina… mossa efficace o disperata? Be’, forse non sbagliamo se pensiamo che siamo nel mezzo, anche se tendiamo più per la disperazione.
Once-Upon-a-Time-2x17Dall’altra parte, una Mary Margaret annientata dal senso di colpa per la morte di Cora, che ha rimesso ufficialmente Regina in gara nella corsa al miglior cattivo.
Ma Regina non è l’unica a non risolversi, a continuare ad andare verso un finale che non riusciamo ancora a capire, è la serie stessa che, tuttavia, stavolta ha portato a casa un risultato positivo: un episodio ben strutturato e soprattutto diverso dal solito, con un ritmo più lento ma, paradossalmente, più intenso.
Ci avviciniamo sempre più all’episodio numero ventidue e, tutto quello a cui assistiamo, non sono altro che ‘corsi e ricorsi’, con piccole soffiate di novità sparse qua e là.
Ma, stavolta, allietati da un episodio tutto sommato piacevole, andiamo verso la fine sicuramente con maggior soddisfazione.

RASSEGNA PANORAMICA

Dalila Orefice
Studentessa di Arti e Scienze dello Spettacolo con una passione per Harry Potter che sfiora i limiti del patologico. Il sogno di una vita? Carta, penna e un buon film.
- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -