Constatine 1×03 recensione dell’episodio con Matt Ryan

    220

    Constantine_1-logo

    La terza puntata di Constatine utilizza il classico “patto con il diavolo” per riuscire a tracciare una storia complessa nel mondo dell’occulto introducendo i personaggi che caratterizzeranno la stagione e soprattutto la storyline.

    Constantine 1x03John (Matt Ryan) scopre che il suo amico Bernie (Dikran Tulaine) è morto in circostanze misteriose, più tardi capirà che la causa è da attribuire ad un vinile che se riprodotto invita le persone a diffondere “il verbo di Satana” rimanendo perlopiù possedute o uccise. In questa indagine John verrà aiutato dal fedele Chas (Charles Halford) e dalla chiarosenziente Zed (Angélica Celaya). Nel mentre Menny (Harold Perrineau) rimarrà ad osservare l’operato del demonologo e Papa Midnite (Michael James Shaw), per i propri interessi, cercherà di ostacolare Constantine .

    Constantine 1x03-2The Devil’s Vinyl è la prima puntata ben riuscita della serie di David S. Goyer. La sceneggiatura ci mostra finalmente le qualità del mago (e non solo del detective) in diverse occasioni: la sua competenza in materia, nella scena dell’obitorio, la sua indole anticonformista, nelle sequenze con la rock star e la sua famiglia, e in modo del tutto inedito il suo “allineamento ambiguo” riguardo al gioco delle forze del bene e del male che si scontrano sulla terra e la zona grigia in cui egli opera ed esercita. Aspetto gradito poiché tira in ballo due personaggi quali Menny e Papa Midnite che sono la marcia in più che ha la serie rispetto ad altri show di stampo soprannaturale. In Constantine sappiamo che la posta in gioco non è solo questione di vita e morte ma bensì di scelte e di conseguenze che portano nella tentazione di fare del bene o fare del male. Difatti questi due nuovi personaggi vengono ben contestualizzati in questo ruolo, il primo come ammonimento per il noto cultista mentre il secondo come conseguenza di scelte ambiziose.
    L’altra ottima caratteristica della puntata è la regia firmata da Romeo Tirone che si cala nei temi dell’horror attraverso le sequenze che riguardano le evocazioni e il mistero, mentre in quelle discorsive fa più affidamento alla fotografia, utilizzando perlopiù la penombra e i contrasti tra giorno e notte. Di conseguenza il merito va esteso anche al montaggio, che cambia il ritmo della storia in base al personaggio, valorizzando una determinata scena, attraverso un rallenty o con un effetto di grafica, o atmosfera, attraverso i colpi di scena.

    Constantine 1x03-3La terza puntata di Constantine finalmente va oltre l’intrattenimento, coinvolge, porta la storia ad un ritmo nuovo che finalmente può dedicarsi alla narrazione delle avventure di questo personaggio. Ma la sceneggiatura ancora vive in un’evidente fase “preparatoria”che comunque riesce a tirare fuori dal mazzo quella “carta” in più che ci mostra esattamente quello che vogliamo da questa serie, uno show degno del fumetto.