L’agente speciale Avery Ryan (Patricia Arquette) e il suo team di esperti in informatica e tecnologie moderne devono indagare su una compagnia, la Zogo, che offre un servizio di noleggio di vetture con conducente tramite un’apposita applicazione sul cellulare. Quando il software che si occupa dello smistamento della clientela viene violato e impostato per cercare un certo tipo di passeggeri, inizia una corsa contro il tempo per scoprire il misterioso individuo che ha già ucciso due persone.

 

Si intitola Killer En Route il terzo episodio della prima stagione della prima stagione di CSI Cyber, una serie tv statunitense di genere poliziesco ideata da Anthony E. Zuiker, Mary Aiken, Pam Veasey, Carol Mendelsohn, Ann Donahue, prodotta da Jerry Bruckheimer per il network CBS e terzo spin-off della serie CSI – Scena del crimine. Consolidata ormai la struttura narrativa che vede una trama verticale in ogni singolo episodio e una orizzontale che pian piano si sta rafforzando di episodio in episodio, CSI Cyber ha dalla sua un tema ancora poco approfondito in una serie televisiva e un cast con caratteristiche diverse ma ben omologato, in cui spiccano sicuramente Patricia Arquette e James Van Der Beek. In quest’ultimo episodio, Killer En Route, poi, si assiste ad una duplice svolta, soprattutto in termini di contenuti.

CSI Cyber 1x03(2) (1)Se da una parte i personaggi vengono sviluppati maggiormente e impariamo a conoscere dettagli importanti della vita di Daniel Grummitz, interpretato da Charley Koonts, dall’altra viene analizzato l’utilizzo dello smartphone nella vita di tutti i giorni. Gli agenti Ryan e Mundo (James Van Der Beek) si trovano con un caso da risolvere che apparentemente può condurli a tutto o niente. Con ellissi temporali importanti che li catapultano in città diverse nel giro di pochi secondi, i misteri da risolvere hanno a che fare con una tecnologia che è sempre più all’avanguardia, immergendo chiunque in un mondo dove di certo e tangibile c’è ben poco. Per rimarcare ulteriormente il tema trattato, quindi, CSI Cyber si immerge a sua volta in un universo completamente digitale, dove l’informatica e la violazione della sicurezza dispositiva è la forza motrice per catturare lo spettatore e porlo a più di qualche riflessione su tutto quello che lo circonda. La vita, ora, sarà anche più semplice, ma sicuramente non più sicura.

VOTO: 3/5 stelle