È tutto pronto per il 6 Giugno data in cui le Devious Maids torneranno in tv con gli episodi inediti della stagione 4. La serie di successo della Lifetime tv, che vede al timone anche quest’anno il poliedrico Marc Cherry, si conferma essere uno fra gli appuntamenti irrinunciabili della summer season. Saranno previsti 13 episodi (che verranno trasmessi in accoppiata con UnReal), tante le gag e tanti i nuovi ingressi nel cast.

 

Benchè la serie non ha avuto lo stesso successo di Desperate Housewives (anche se la frivolezza e l’impatto emotivo è lo stesso), Devious Maids rimane un guilty pleasure che diverte ed appassiona. Dopo il finale della scorsa stagione che vedeva la casa della signora Powell andare in fiamme e lasciando in bilico il destino del Signor Powell, la serie riprenderà il filo del discorso quasi un anno dopo. La vicenda sarà ambientata ancora a Beverly Hills e, l’elite scandalosa della città più cool di sempre, sarà sconvolta da un nuovo e terribile omicidio.

devious-maids-4-stagioneMarisol, Zoila, Carmen Luna (che si sospetta essere in dolce attesa) e Rosie, si dovranno rimboccare le maniche per rimanere a galla in questo calderone di misteri, colpi bassi e torbidi segreti. Eva Longoria dopo la cancellazione ingiusta di Telenovela, arriverà come special guest star nella serie da lei stessa prodotta, in un ruolo ancora del tutto criptico (i più attenti credono che l’attrice interpreti se stessa in cameo molto divertente), ma grande attesa per James Denton. L’attore che per anni fu il Mike Delfino delle Desperate Housewives, ritorna in tv in un ruolo del tutto inedito. Sarà infatti un grande seduttore dal passato misterioso che aleggerà nella vita di Marisol. Anche Ryan McPartin si unisce al già collaudato cast. Celebre per essere stato uno degli attori di punta della serie tv Chuck, interpreterà un ragazzo insicuro, sexy ed anche lui misterioso che sconvolgerà (letteralmente) la vita delle 4 (anzi 3) Devious Maids. Confermato anche il ritorno della Signora Delatour e di tutti o quasi i comprimari presenti lo scorso anno. Una cosa è certa, uno dei personaggi morirà proprio nel primo episodio, ma gli autori saggiamente hanno nascosto questo particolare per non rovinare la sorpresa. Dal trailer infatti, diffuso qualche settimana fa, poco o nulla si intuisce su i prossimi risvolti della serie tv, rimane solo quella voglia di divertire e ridere con gusto.

Con tutte le attenuanti del caso, con i suoi pregi e difetti, la serie Lifetime tv rimane comunque una serie da non perdere, perché ammicca con il pubblico, è capace di far ridere fino allo sfinimento (sono paradossali le avventure vissute dalle 4 colf ambigue) e cosa più importante, si prende in giro da sola senza mai perdere di vista il suo obbiettivo. Il merito come al solito è di Marc Cherry che, con uno stile fresco e deciso e con un cast omogeneo, riesce a rendere invitante ed altamente seducente, una serie che in sostanza non toglie e non aggiunge nulla all’universo seriale di oggi.

Diventata una serie di nicchia, amata e venerata solo da i fan delle Desperate Housewives, Devious Maids è comunque un prodotto dignitoso, adatto per un pubblico meno esigente e che cerca solo un mero intrattenimento. La quarta stagione (rinnovata anche questa volta per il rotto della cuffia) debutterà in America dal prossimo 6 Giugno. In Italia è attesa su Comedy Central.

Articolo precedenteGame of Thrones 6×05 recensione dell’episodio con Sophie Turner
Articolo successivoOutcast: la parola ai protagonisti dello show Fox
Nato e cresciuto in un piccolo centro vicino Napoli, Carlo fin da ragazzino, è rimasto sedotto dal mondo del cinema e dalle serie tv.  Lettore accanito di saghe fantasy (la sua preferita è Il Ciclo di Shannara), conosce a memoria le battute del film Marnie del grande Alfred Hitchcock; divoratore onnivoro di serie tv, è cresciuto tra la generazione di Beverly Hills e quella di Dawson's Creek anche se la sua serie tv preferita rimane Buffy. Adora tutto ciò che il regista JJ Abrams partorisce dalla sua mente, e vorrebbe essere il confidente di Steven Spielberg. Con una camera piena di gadget e DVD, Carlo si sente americano per adozione e coltiva il sogno di lavorare in una redazione giornalistica, ma soprattutto di  andar via dal piccolo centro dove vive per poter rincorrere il suo ormai più che ventennale sogno nel cassetto.