Dexter 7X07 – recensione

    236

    È ormai chiaro che la settima serie di Dexter sia incentrata sul rapporto tra lui e le donne. Dopo Lila, Rita e Lumen è la volta di Hannah McKay, un altro personaggio femminile che rivoluzionerà completamente la nostra conoscenza del personaggio.

    La sparizione delle prove che tenevano in galera Sirko, le indagini segrete di La Guerta, l’intricata situazione in cui navigano Batista, Quinn e Nadia sono ormai un semplice intermezzo tra scene principali giocate tra le due coppie fulcro della puntata: quella formata da Debra e Sal Price, lo scrittore di gialli interessato al caso di Wayne Randall, e quella creatasi tra Dexter e Hannah McKay. In effetti proprio la precedente puntata si era conclusa con le scene degli appuntamenti delle due coppie, in un montaggio alternato che ora capiamo porre l’accento sulla palese differenza tra le due relazioni. Se Deb e Sal si cercano di barcamenarsi tra la freddezza di lei (che ormai sappiamo essere solo di facciata) e l’ambiguità di lui, quello tra Dexter e Hannah è decisamente un rapporto di maggior parità: il lato oscuro di lui può prendere il sopravvento da un momento all’altro, ma sappiamo che anche la ragazza non è nuova a spargimenti di sangue, soprattutto se riguardano gli uomini da cui è attratta.

    Come da copione, però, al primo cenno di resa di Debra verso un uomo, le vicende la mettono alla prova ponendola di fronte ad una perdita o alla rivelazione di una natura differente rispetto a quella che aveva conosciuto (è già successo, fin dalla prima serie, con tutti gli uomini a cui si è avvicinata: Brian Moser, Frank Lundy, Anton Briggs, e ora Price). Dal malore di Sal Price in poi, la coppia formatasi da Dexter e Hannah risulterà ancora più salda e unita, lasciando nuovamente spazio nella mente dell’uomo per il pensiero di un rapporto finalmente possibile con una donna. Ci sono ancora un sacco di trame lasciate aperte, che procedono decisamente a rilento rispetto alla storyline principale pur avendo un enorme impatto su di essa: le indagini del tenente Maria LaGuerta sul macellaio di Bay Harbor, Isaak Sirko di nuovo in libertà e fermamente convinto a vendicare la morte di Baskov, i problemi di Quinn con la Koshka Brotherhood e soprattutto il rapporto tormentato e confuso tra Debra e il fratello, tema che credevamo portante dopo le rivelazioni della donna nella sesta serie, ma che per ora è stato sepolto da storie e personaggi tortuosi e spesso piuttosto inutili (come nel caso di Sal Price). Come al solito, nel finale della puntata però, un paio di battute riescono ad aprire nuovi e interessanti scenari…