Disney+

Continua a far discutere la cancellazione delle serie Marvel Television e Netflix, soprattutto dopo la sorpresa di Daredevil. Dopo le dichiarazioni di Amy Rutberg che ha rivelato che la decisione è stata tutta di Netflix, oggi arrivano news sul futuro degli show.

 

In una lunga intervista rilasciata a THR, interrogato sulla possibilità di prendere in considerazione di far ripartire gli show Marvel chiusi, Kevin Mayer (capo della strategia di Disney) ha risposto: “Sono spettacoli di altissima qualità. Non ne abbiamo ancora discusso, ma direi che è una possibilità.”

Quest’ultima dichiarazione non fa altro che confermare alcune voci secondo cui Netflix non ha potuto ragionare su lungo termine con le property e dunque ha deciso di staccare la spina a dei prodotti con i quali non poter affrontare una strategia su lungo periodo.

Riguardo al discorso sulle property, non dimentichiamo che proprio Disney qualche tempo prima che Netflix annunciasse la cancellazione di gran parte delle serie Marvel, annunciò il ritiro a fine 2018 dei film del Marvel Cinematic Universe. Riguardo a questo tema, recentemente Warner Bros ha rinnovato l’accordo con Netflix per la messa in onda di Friends, e, incalzato anche su questa mossa a sorpresa del competitor diretto, Kevin Mayer ha rivelato:

“Sono sicuro che [il CEO di WarnerMedia, John Stankey] ha le sue ragioni, ma quando ci trovammo di fronte a una decisione simile, di sospendere [la nostra programmazione] in previsione di poterla mettere sul nostro servizio, era giusto prendere una decisione diversa per noi. Continueremo a farlo. In definitiva, il nostro servizio diretto al consumatore sarà l’unico posto in cui potrai trovare quel contenuto.”

La dichiarazioni è abbastanza eloquente: tra qualche anno sarà possibile vedere i prodotti Disney solo sulla piattaforma Disney+, lasciando poco spazio a contaminazioni collaterali, nonostante abbiano prodotto qualcosa di estremamente interessante, come Daredevil.

Riguardo invece a quale sarà l’impatto dell’accordo Disney-Fox nel settore dell’intrattenimento, Mayer ha risposto:

Offriremo servizi davvero interessanti ai consumatori. Li lasceremo scegliere ciò che vogliono comprare e ciò che non vogliono comprare. Non stiamo cercando di battere nessuno o trionfare su nessuno. Stiamo solo cercando di servire meglio i nostri consumatori.”

Riguardo invece a come faranno a convincere i consumatori che già oggi hanno diversi abbonamenti in streaming:

“Dobbiamo prendere i nostri contenuti e renderli il più esclusivi possibile al nostro servizio. Dobbiamo rendere l’app e la tecnologia abbastanza semplici. Puoi trovare i nostri contenuti sotto i nostri marchi chiave, che è un vero elemento di differenziazione per noi.”

Non resta che aspettare i prossimi sviluppi e capire quale strategia adotterà Disney+ per il lancio worldwide della piattaforma.