Home SerieTv Anteprima Flaked: il triangolo amoroso di Netflix con Will Arnett

Flaked: il triangolo amoroso di Netflix con Will Arnett

-

- Pubblicità -

Chip è un sedicente guru che sembra aver in qualche modo trovato la propria strada reinventandosi come maestro di vita,  anche con un discreto successo; tutto viene rimesso in discussione quando il nostro prende una sbandata (o forse qualcosa di più serio) per la cameriera London;  particolare non trascurabile: la donna in questione è anche al centro delle attenzioni amorose del migliore amico del protagonista.

flaked-posterPrende il via da qui Flaked, commedia targata Netflix la cui prima stagione, articolata in otto episodi, sarà disponibile a partire dal prossimo 11 marzo. I tre vertici del triangolo sentimentale al centro della vicenda avranno i volti di Will Arnett (Chip), Ruth Kearney (London) e David Sullivan.

- Pubblicità -

Il più noto dei tre è il protagonista Harnett, visto in passato in Arrested Development e 30 Rock e più recentemente anche qui da noi nella poco fortunata The Millers. L’attore canadese partecipa al progetto anche in qualità di creatore e produttore, assieme al più esperto Benjamin Silverman (The Office, Ugly Betty, The Tudors), a Mitch Hurwitz e al britannico Mark Chappell.

Flaked-1x01-2Meno conosciuti al grande pubblico gli attori che interpretato gli altri due personaggi principali: Ruth Kearney conta tra le sue più recenti apparizioni quella in Jet Stream! e in precedenza può contare una partecipazione a Primeval, mentre la voce più importante del curriculum di David Sullivan è la partecipazione al premio Oscar Argo;  poco noti anche Lina Esco, Mike Cochrane e George Basil, che saranno della partita in ruoli di contorno.

Flaked-1x01Flaked si annuncia come l’ennesima variazione sul tema del triangolo lui-lei-l’altro, complicato dal legame di amicizia dei due protagonisti, con il prevedibile contorno di equivoci e dilemmi morali, il tutto volto in commedia: vedremo se gli autori e il cast riusciranno a rendere godibile un canovaccio ormai consunto: visto che il progetto porta il marchio di Netflix, c’è più di una ragioneper ben sperare; altrimenti, l’unico vero spunto di interesse della serie saranno le musiche, firmate da Stephen Malkmus, esponente di punta della scena indie-rock statunitense e già leader dei Pavement, autentica cult-band del genere.

 
Marcello Berlich
Laureato in Economia,  è appassionato di cinema, musica, fumetti e libri. Collabora con Cinefilos dal 2011.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -