Game of Thrones: Pedro Pascal racconta il suo Oberyn Martell

-

pedro pascalDopo la domenica di riposo per il Memorial Day, domenica torna Game of Thrones in tv, e sappiamo che l’episodio The Mountain and the Viper metterà a confronto il terribile Gregor Clegane (Hafthor Bjornsson) con la Vipera Rossa, il principe Oberyn Martell, interpretato da Pedro Pascal. Ebbene in attesa del suo grande momento, ecco cosa ha raccontato l’attore del suo personaggio, dello scontro che dovrà affrontare e del rapporto con Tyrion/Peter Dinklage.

- Pubblicità -
 

“Penso che sia almeno tre volte il mio peso – ha detto Pascal in riferimento a Hafthor Bjornssonmi sono sentito di stare accanto ad un gigante. E quando si è messo l’armatura, la sua spada era alta quanto me. E’ stato terribilmente intimidatorio come momento, ma anche divertente perchè penso che per il personaggio che è Oberyn, un tale confronto sia effettivamente avvincente.”

“Ovviamente parte delle intenzioni di Oberyn sono anche quelle di vendicarsi finalmente dell’uomo che ha materialmente stuprato e ucciso sua sorella e che ne ha ucciso i figli”. L’episodio di domenica potrebbe darci qualche possibilità di notare altre abilità fisiche di Oberyn. “Il principe è chiamato così, la Vipera, anche per le sue doti di combattimento” ha anticipato Pascal.

Le caratteristiche di Oberyn lo rendono anche l’unico uomo ad Approdo del Re capace di capire che Tyrion è l’uomo più intelligente in circolazione. “Per Oberyn non è difficile capire che Tyrion è quello più furbo tra tutti. Oberyn non è certo un fan dei Lannister, per cui non gli è difficile capire che il processo è una farsa e sa cosa accade veramente. Lui ha un suo piano personale, non vuole altro che affrontare la Montagna e ucciderlo, e poter lottare per conto di Tyrion è un “vaffanculo” extra che può indirizzare ai Lannister. Riconosce a Tyrion la loro ipocrisia e la loro corruzione.”

pedro pascalSul dialogo tra Oberyn e Tyrion visto nell’episodio sette, Pedro Pascal ha dichiarato: “Ero molto commosso, è stato il mio primo giorno sul set ed ero molto nervoso. Ma ho avuto questo magnifico regista, Alik Sakharov, e Peter Dinklage un attore generoso e accogliente. Non so se ho capito subito che la scena era così intensa emotivamente. E’ stato molto commovente per me raccontare a Tyrion la storia e vedere Peter Dinklage ascoltarla in quel modo. Mi ha nutrito in una maniera che non dimenticherò mai … Credo che tra loro due ci sia uno spirito affine. Oberyn riconosce che Tyrion è un sopravvissuto, cosa che gli riesce grazie all’astuzia e all’intelligenza. In più, possono contare sul fatto che a entrambi piace divertirsi! Se potessero stare insieme, direi che sarebbero dei grandissimi amici.

- Pubblicità -
Chiara Guida
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -