Emma e Uncino

onceuponatime4x213Con l’episodio di Once Upon a Time 4×21 siamo quasi giunti al finale di una stagione alquanto deludente. Il titolo di questa settimana, Mother, fa riferimento a tre personaggi in particolare, che sono Snow White, Maleficent (Kristin Bauer) e Cora (l’ormai dimenticata madre di Regina). Questa volta si esplora il rapporto che hanno avuto con le proprie figlie e le conseguenze che ne sono derivate. I percorsi narrativi sono quindi tre e si intrecciano in un modo che non si può certo definire lineare o quanto meno coerente. Una volta scoperto ciò che i suoi genitori hanno fatto Emma non riesce a perdonarli, o almeno non senza una “aiuto” da parte del bel capitano Hook (Colin O’Donoghue), che avendo trovato la sua strada per uscire dall’oscurità può sicuramente darle dei consigli. Snow White e il suo Principe, d’altra parte, non riescono invece ad eludere il loro ruolo da eroi e non esitano un secondo ad aiutare Maleficent in difficoltà con una figlia ribelle. Ed ecco come il tenebroso capitano della Jolly Roger diventa un esperto in terapia familiare, la giovane principessa Snow White (Ginnifer Goodwin) una vittima della sua eroica natura, e il drago più spaventoso della storia una donna che in lacrime chiede aiuto ai Charmings (Snow e Devid). Per non parlare del grande tiwist negli ultimi secondi dello scorso episodio che annunciava una gravidanza inattesa.

onceuponatime4x212Non che ci aspettassimo qualcosa di diverso da questa stagione, che ormai sembra non avere più né capo né coda. I flashback che mostrano il passato di Regina e Cora sono decisamente superflui e decontestualizzati. Il fine doveva essere quello di giustificare le azioni di Regina (Lana Parrilla) alla luce di ciò che ha subito da sua madre ma questo non implica mostrare scene evidentemente non necessarie solo per rafforzare delle azioni. L’effetto che certe sequenze ridondanti producono è invece opposto, indebolendo notevolmente logica e ritmo narrativi. Per trovare delle giustificazioni si tira in ballo la forza del destino o la penna magica dell’Autore ma la verità è che non c’è stato uno sviluppo concreto dei personaggi. I plot sembrano ormai tutti risolti senza nessun reale cambiamento. Anche questo è a modo suo un talento; costruire una stagione basata sul nulla, che fa dei gran voli pindarici solo per tornare al punto di partenza. Le scene di riconciliazione tra Emma e sua madre, Maleficent e Lily, Regina e la sua coscienza, non solo sono in sequenza, il che le renderebbe già abbastanza scontate, ma sono la degna conclusione di un tipico “episodio cuscinetto” che è servito solo ad allungare il brodo aspettando il finale di stagione. Questo rapporto madre-figlia era già stato esplorato a suo tempo durante il viaggio di Emma alla ricerca della sua identità, ora rispolverare vecchi temi aggiungendo qualche personaggio è la ricetta perfetta per il fallimento.

Voto: 1/5 stelle