Outlander - R-Moore - tv-seriesOutlander è una saga letteraria scritta da Diana Gabaldon. I diritti sono stati acquistati dalla rete cable Starz che ha deciso di dar vita ad una serie tv: sarà un drama storico dalle tinte fantascientifiche quello che vedremo sulla rete di Spartacus, Da Vinci’s Demons e Boss. La prima stagione di Outlander sarà composta da ben 16 episodi ed vedrà la luce solo nel 2014 e vedrà la firma di Roland D. Moore. Colui che è stato il fautore del remake di Battlestar Galactica e che precedentemente si è fatto le ossa in Roswell, questa volta si cimenta in qualcosa di nuovo, sviluppando la tematica sci-fi adattandola al drama stoico.  La trama segue la storia di Claire Randall, un’infermiera in viaggio in Scozia con il marito nel 1945 a distanza di pochi giorni dalla conclusione della seconda guerra mondiale nel 1945. Per uno strano evento si ritrova catapultata nel 1473 in una Scozia divisa da guerre fra clan rivali. Qui incontra un cavaliere, tal James Frazer, che farà vacillare il suo amore nei confronti del marito. In un buon mix di amori e misteri, Outlander sembra essere la serie che manca nel panorama televisivo americano. Poi viene trasmesso su Starz, quindi la qualità sarà davvero eccelsa. Vi terremo aggiornati su altre news

Fonte: DeadLine 

Articolo precedenteGame of Thrones 3×09 – recensione
Articolo successivoLena Headey: da Regina di Sparta a Signora di Westeros
Nato e cresciuto in un piccolo centro vicino Napoli, Carlo fin da ragazzino, è rimasto sedotto dal mondo del cinema e dalle serie tv.  Lettore accanito di saghe fantasy (la sua preferita è Il Ciclo di Shannara), conosce a memoria le battute del film Marnie del grande Alfred Hitchcock; divoratore onnivoro di serie tv, è cresciuto tra la generazione di Beverly Hills e quella di Dawson's Creek anche se la sua serie tv preferita rimane Buffy. Adora tutto ciò che il regista JJ Abrams partorisce dalla sua mente, e vorrebbe essere il confidente di Steven Spielberg. Con una camera piena di gadget e DVD, Carlo si sente americano per adozione e coltiva il sogno di lavorare in una redazione giornalistica, ma soprattutto di  andar via dal piccolo centro dove vive per poter rincorrere il suo ormai più che ventennale sogno nel cassetto.