A partire dal 24 aprile tornano in pista Richard Hendricks (Thomas Middleditch) e il gruppo di scapestrati inventori e menti brillanti della Silicon Valley per la terza stagione dell’omonima serie HBO che entra, con occhio divertito e irriverente, nei meandri di quel mondo insidioso e rischioso, ma anche fervido e in continua evoluzione del posto dove sono nate e nascono le grandi invenzioni che hanno cambiato il mondo.

 

Dopo la prima stagione esplorativa, in cui gli spettatori hanno imparato a conoscere i loro beniamini e dove loro stessi sono venuti a contatto con le reali possibilità del loro lavoro, e dopo un secondo ciclo in cui i quattro giovani inventori, ingegneri, sistemisti e imprenditori vengono a patti con le due leggi del mercato, per Richard e il suo team è adesso ora di scegliere attentamente le prossime mosso. La Pied Piper, il meccanismo di compressione dei dati che ha permesso a Richard di diventare, a modo suo, famoso e ricco, è ormai il cuore di una società che però il giovane potrebbe perdere per la sua inesperienza e a volte per la miopia, o meglio per l’avventatezza di chi lo circonda e lo consiglia. Riuscirà a mantenere la calma e ad avere il colpo di fortuna che meriterebbe? Con lui tornano ovviamente i suoi colleghi, amici e soci: Donald “Jared” Dunn (Zach Woods), Erlich Bachman (T.J. Miller), Bertram Gilfoyle (Martin Star) e Dinesh Chugtai (Kumail Nanjiani). Riusciranno i giovani imprenditori e inventori a non soccombere ai biechi tentativi di Gavin Belson (Matt Ross) di impossessarsi del loro tesoro? Per fortuna dalla loro parte c’è ancora la bella e brillante Monica (Amanda Crew) che proverà a difendere gli interessi della Pied Piper di fronte al consiglio d’amministrazione della Raviga gestita ora da Laurie Bream (Suzanne Cryer), alla morte di Peter Gregory (l’interprete del personaggio, Christopher Evan Welch, si è spento a causa di un tumore ai polmoni a metà della prima stagione e la produzione ha deciso di non sostituire l’attore per il lavoro svolto fino a quel momento).

Silicon Valley 3Sempre tra incudine e martello, tra le ansie di un dirigente di un’azienda potenzialmente miliardaria e le paturnie di un giovane insicuro, Richard dovrà barcamenarsi ancora una volta tra i continui attacchi della Hooli, le maldestre situazioni messe in piedi dai suoi collaboratori, i sentimenti al limite tra il personale e il professionale per Monica e le crescenti pressioni della Raviga. Riuscirà a spuntarla? A cambiere ulteriormente le carte in tavola arriverà un nuovo CEO, con le sembianze del simpatico Stephen Tobolowsky, che sta per sfidare il team di Pied Piper.

Con Silicon Valley 3, Mike Judge, John Altschuler e Dave Krinsky ci hanno senza dubbio preparato altre divertenti sorprese e situazioni al limite del paradossale. Nell’era della rivincita dei nerd, Richard e compagnia non tarderanno a farci ancora ridere e sperare con loro che l’eccezionale possa davvero accadere a chiunque abbia un’idea che possa davvero fare la differenza.

Silicon Valley 3 2