State of Affairs 1×03 recensione dell’episodio con Katherine Heigl

    350

    State of Affairs 1x03(2) Quando venti ragazze nigeriane vengono rapite dai membri del gruppo di militanti del movimento islamista Boko Haram, Charlie (Katherine Heigl) fa di tutto per provare a salvarle. Decide così, insieme al Presidente Payton (Alfre Woodard), di agire sotto copertura, per evitare che la Nigeria scopra che gli Stati Uniti siano coinvolti nel salvataggio delle ragazze. Nel frattempo continuano i dubbi e i flashback sulla notte dell’attentato a Kabul, ma soprattutto si infittiscono i misteri su Nick Vera (Chris L. McKenna) e Fatah (Farshad Farahat).

    State of AffairsSi intitola Half the Sky il terzo episodio della prima stagione di State of Affairs, la nuova serie tv statunitense della NBC di genere spionistico e ideata da Joe Carnahan. Come nel precedente episodio,è evidente che State of Affairs inizi a prendere vita propria, discostandosi decisamente da Homeland e Scandal, le due serie a cui era stata associata. L’episodio Half the Sky, quindi, mostra i due fili conduttori e narrativi che stanno caratterizzando l’inizio della serie: da una parte viene data particolare attenzione alle mansioni quotidiane della CIA, dall’altro continuano i sospetti e i segreti sull’attentato in Afghanistan, nel quale ha perso la vita Aaron (Mark Tallman), fidanzato di Charlie e figlio del Presidente Payton. Sono proprio loro due le figure su cui si concentra maggiormente State of Affairs, sulle loro personalità e sui loro modi di lavorare, ma soprattutto su una fiducia reciproca difficile da mantenere. Ed è proprio questo un tema che riaffiora costantemente: in un ambiente così ostile, dove vite umane e sicurezza nazionale sono appese ad un filo, di chi si ci può realmente fidare? Chi sono gli amici e chi, invece, i nemici? Per alimentare la suspense, State of Affairs si affida ad un ritmo incalzante a ad una colonna sonora congrua a mantenere alta la tensione, tanto che i quaranta minuti di Half the Sky scorrono velocemente verso un finale che richiede risposte ma che invece non fa che formulare altre domande. La vita di Charlie procede così tra giustizia e voglia di vendetta, ma verso chi? Non resta che pazientare, ma intanto godiamoci questa nuova serie che ha saputo superare le aspettative iniziali.