Supernatural 10X03 recensione dell’episodio con Jared Padalecki

-

Supernatural 10X03 2 Sam/Jared Padalecki è riuscito a catturare Dean/Jensen Ackles e a riportarlo nel Bunker degli Uomini di Lettere a Lebanon, Kansas. Mentre aspetta l’arrivo di Castiel/Misha Collins e Hannah/Erica Carroll, Sam inizia a iniettare a Dean il suo sangue benedetto, sperando che la cura abbia lo stesso effetto su lui come su Crowley/Mark A. Sheppard. Bloccato con manette e simboli sulla sedia una volta occupata dal Re degli Inferi, il Dean demone cerca di indebolire mentalmente Sam, mettendo in dubbio il suo essere buono e le sue capacità come cacciatore. Il minore dei Winchester non si abbatte e continua le iniezioni sul fratello fin quando Dean non sembra trarne più dolore che beneficio. Nel dubbio Sam chiama Castiel, che non può che metterlo di fronte a una scelta difficile. Durante il viaggio Cas e Hannah sono aggrediti da un altro angelo, Adina/Jud Taylor, in cerca di vendetta per la morte di Daniel. Mentre Cas è in fin di vita, nel bunker la situazione precipita: Dean riesce a liberarsi e inizia a dare la caccia a Sam. Ancora una volta Crowley viene in aiuto.

- Pubblicità -

Soul Survivor, come il precedente episodio, ricorre al flashback; in questo caso, però, non ha la funzione di apripista narrativo, ma al contrario sospende momentaneamente il racconto principale per approfondirlo e per rivelare intrecci drammaturgici fino a quel momento ignoti. Se sappiamo a grandi linee dei danni e dei bagordi di Dean durante il suo periodo di latitanza, sappiamo poco di ciò che ha dovuto affrontare Sam per ritrovare il fratello e questi flashback dimostrano che non ha soltanto torturato demoni. La chiacchierata tra il demoniaco Supernatural 10X03Dean e Sam riporta a galla contrasti ormai appianati e riapre ferite ormai guarite, creando un’atmosfera tragica e anche un po’amara, che raggiunge il culmine quando Dean si libera e tenta di uccidere il fratello, senza dubbi e indecisione. Le azioni di Crowley sono ancora in parte avvolte dal mistero e sebbene lui parli di quid pro quo, ciò che lo spinge ad aiutare Dean potrebbe avere poco a che fare con un suo tornaconto personale. Gli sceneggiatori Brad Buckner e Eugenie Ross-Leming fanno un buon lavoro scrivendo, senza creare confusione, un episodio articolato che porta avanti diverse linee narrative. Torna per la quarta volta alla regia di Supernatural uno dei due protagonisti, Jensen Ackles, che oltre una certa tendenza ai primi piani non mostra grandi difetti; Ackles si muove abbastanza bene dietro la macchina da presa, ma in questo episodio vince di gran lunga nel ruolo di attore, regalandoci un Dean più oscuro e al limite che mai. Il neo di questo terzo episodio sta proprio nella scelta dei produttori riguardo al destino di Dean: ancora demone o di nuovo umano?

Supernatural torna con il 199° episodio, Paper Moon, il 28 Ottobre su THE CW.

- Pubblicità -
Silvia Brancato
Laureata al DASS dell'Università degli Studi di Roma La Sapienza in "Stereoscopia: Cinema, Televisione e Teatro", consegue successivamente il Master Digital Audio/Video Editing presso La Sapienza con la speranza di diventare una montatrice cinematografica. Gran divoratrice di libri, appassionata di serie tv e frequentatrice assidua della sala cinematografica.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -