The Expanse 5

Arriva da Deadline la conferma che gli interpreti Keon Alexander, Nadine Nicole e Jasai Chase Owens sono stati promossi a regular in The Expanse 5, la quinta attesa stagione di The Expanse.

Alexander e Nicole hanno recitato nei panni di Marco e Melba, rispettivamente, e Owens ha recitato in un episodio nella stagione 4 come Felip. Alexander è apparso in quattro episodi nella quarta stagione. Nicole è apparsa in 8 episodi nelle stagioni 3 e 4 come Clarissa Mao / Melba Koh. Inoltre, Lily Gao, che ha recitato nei panni di Nancy in cinque episodi della stagione 4, tornerà a riprendere il suo ruolo ricorrente nella stagione 5.

The Expanse 5

The Expanse 5 è la quinta stagione della serie di fantascienza creata da Mark Fergus e Hawk Ostby per SyFY e recentemente passata a Prime Video.  Amazon Prime Video ha raccolto la serie per una quarta stagione, che è stata rilasciata il 12 dicembre 2019. Il 27 luglio 2019, Amazon ha rinnovato lo show per una quinta stagione.

La serie è basata sulla serie di romanzi con lo stesso nome da James SA Corey. La serie è ambientata in un futuro in cui l’umanità ha colonizzato il Sistema Solare . Ne consegue una banda disparata di antieroi – Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite membro Chrisjen Avasarala ( Shohreh Aghdashloo ), detective della polizia Giuseppe Miller ( Thomas Jane ), ufficiale della nave James Holden ( Steven Strait) e il suo equipaggio – mentre si svelano inconsapevolmente e si mettono al centro di una cospirazione che minaccia il fragile stato del sistema della guerra fredda, come la pace, l’equilibrio di classe e la sopravvivenza dell’umanità.

Nella quarta stagione una vasta corsa terrestre inizia ora che si sono aperti i portali verso altri mondi abitabili. La Terra inizia a investire vaste risorse (che aveva precedentemente bloccato Marte e la cintura) sui nuovi mondi terrosi attraverso il portale. Nei mondi esterni, gli sforzi dei residenti per migliorare la vita, in particolare la terraformazione su Marte, iniziano a calare, poiché sono ora disponibili mondi molto più ricchi e gli investimenti “qui a casa” non sono così attraenti.