The Tomorrow People 1×16 recensione dell’episodio con Stephen Amell

    667

    the-tomorrow-people-logo

    Nei primi minuti dell’episodio di The Tomorrow People ci viene mostrato immediatamente il personaggio della settimana che metterà in discussione lo stile di vita dei nostri Tomorrow People. Questa volta si tratta di una misteriosa “giustiziera” mascherata che lascia come simbolo una rosa rossa.

    SuperheroPer quanto l’idea sia abbastanza banale e discutibile, tanto che i personaggi stessi fanno riferimento ad altri supereroi del genere, la ragazza smuoverà un po’ le coscienze di tutti. Il più influenzato dalla nuova eroina è Russell (Aaron Yoo), che a quanto pare sembra saperne un po’ troppo per averla vista una sola volta.
    Nel mentre gli Ultra pensano solo a dare la caccia ai Tomorrow People e questi invece sono troppo impegnati a nascondersi e occasionalmente a cercare Roger (Jeffrey Pierce), Russell sembra chiedersi quale sia il punto di avere dei superpoteri se non li si mette a disposizione di chi ne ha bisogno.
    Un altro personaggio che si fa questo tipo di domande è la partner di Stephen (Robbie Amell). In questo episodio abbiamo l’occasione di conoscerla un po’ meglio e lei di “conoscere” un po’ meglio uno dei nostri protagonisti. Questa risulterà più interessante poiché le restanti storylines risultano alquanto forzate ed estremamente prevedibili.
    Dopo la riconciliazione-lampo tra John (Luke Mitchell) e Cara (Peyton List) della scorsa settimana, i due in un solo episodio compiono tutto il cammino che solitamente si compie in una relazione per arrivare al perfetto equilibrio, quindi, oltre ad essere poco accattivante è anche poco credibile. In seguito c’è l’amante di Jedekiah, Morgan (Morgan Burke), che dimenticata completamente per un paio di puntate fa il suo ritorno con delle novità. Ed Infine c’è la famosa ricerca del corpo di Roger, che ormai sembra fare da contorno a tutta la storia. È quasi come un’attività per il tempo libero, nonostante numerose battute dei personaggi che dicono il contrario. Stephen e gli altri non fanno che parlare di Roger e di quanto sia importante ritrovarlo, ma l’impressione che dà l’episodio è tutt’altra. L’idea del “personaggio della settimana” è molto buona perché è necessario riflettere e a mettersi in discussione, ma dovrebbe essere l’unica storyline a cambiare ad ogni episodio.

    SuperheroNelle ultime settimane invece, i personaggi sembrano correre in circolo; troppo velocemente e tornando sempre al punto di partenza. Infine c’è la questione dei personaggi dimenticati. Non significa che debbano essere mostrati sempre tutti in ogni episodio, ma almeno degli accenni per ricordarci che esistono sarebbero graditi. È vero che non sono tutti protagonisti, ma in uno show che si rispetti anche i personaggi più marginali hanno un peso, rispetto alla storia, e il fatto che non si senta nemmeno la loro mancanza è sintomo che qualcosa non va nella costruzione stessa dei personaggi.
    L’impressione è che si stiano rincorrendo i gusti del pubblico a scapito della trama principale.