hbo-tv-logo

It’s not tv. It’s HBO”. L’emittente televisiva via cavo tra le più popolari degli States continua a rendere omaggio allo slogan che l’ha resa famosa negli anni, presentando per la nuova stagione un palinsesto a dir poco allettante, variegato e ricco di star.

dwayne-johnsonCominciamo dalle novità: il produttore e sceneggiatore Stephen Levinson, già produttore esecutivo per l’acclamata Boardwalk Empire, ha deciso di riprendere in mano la penna, firmando la dramedy Ballers. La serie, composta da episodi della durata di 30 minuti ciascuno, si incentra sulle vicende – private e professionali – di un gruppo di giocatori di football. Protagonista la ex-star del wrestling, il culturista e attore Dwayne “The Rock” Johnson (Il re scorpione – La mummia), che qui è anche produttore dello show, mentre Mark Wahlberg e Peter Berg sono i produttori esecutivi.  A completare il resto del cast Omar Miller, John D. Washington e Troy Garity.

JAncora scompiglio per il progetto televisivo che avrebbe dovuto vedere la luce parecchio tempo fa, Criminal Justice, ma che la HBO aveva sapientemente bloccato dopo la prematura morte del suo protagonista, il compianto James Gandolfini. L’attore reso famoso al pubblico del piccolo schermo grazie a The Sopranos era stato inizialmente rimpiazzato da Robert De Niro (nientemeno), il quale ha da poco comunicato  di dover rinunciare alla serie causa altri impegni sul set. La parte è stata dunque affidata a John Turturro, il quale vestirà i panni di Jack Stone, un avvocato alle prese con la difesa di un uomo accusato di omicidio nell’Upper West Side. Lo show è il risultato di un adattamento – operato da Peter Moffat – dell’omonima serie del 2008 firmata BBC (come dire, un’ulteriore garanzia di qualità), e può contare su un ottimo cast, in cui compaiono anche Riz Ahmed (già apprezzato ne Il fondamentalista riluttante) e Bill Camp (Lincoln – 12 anni schiavo). Le aspettative sono tante, e ci sono buoni motivi per credere che non verranno deluse.

tim_robbins_jack_blackCoppia a sorpresa per i protagonisti della dark comedy intitolata The Brink, diretta da Jay Roach e sceneggiata dai fratelli Roberto e Kim Benabib. A impersonare il Segretario di Stato americano Walter Hollander e l’agente dei servizi segreti caduto in rovina Alex Coppins saranno infatti Tim Robbins e il nuovo re della commedia statunitense, Jack Black. Pare che i due, qui anche produttori esecutivi, stiano collaborando in maniera molto attiva allo sviluppo dello show, che narra di una crisi geopolitica e della minaccia di una terza Guerra Mondiale. Dei ruoli piuttosto insoliti, senza contare che per Robbins la serie segna il suo quasi-esordio in tv.

The LeftoversDamon Lindelof, già co-creatore, sceneggiatore e produttore di una serie cult come Lost, torna alla carica e firma con Tom Perrotta The Leftovers – Svaniti nel nulla, la serie attualmente in onda è tratta dal romanzo che proprio Perrotta scrisse nel 2011. In dieci episodi vengono raccontate le vicende della comunità di Mapleton, New York, a tre anni di distanza dalla misteriosa scomparsa di una parte della popolazione mondiale. Nel cast figurano Justin Theroux (Mullholland Drive – American Psycho – Six Feet Under) come capo della polizia locale Kevin Garvey, Amy Brenneman (Giudice Amy) nei panni della moglie Laurie, e Liv Tyler che interpreterà la confusa Megan “Meg” Abbott.

TogethernessUna ventata di freschezza e qualche risata sembrano promesse dalla sit-com in 8 episodi nata dalla fantasia dei fratelli Mark e Jay Duplass, Togetherness. Lo “stare insieme” del titolo è riferito a due coppie costrette a vivere sotto lo stesso tetto a Los Angeles, alle prese con problemi personali e sentimentali. Il quartetto è così composto: Tina, interpretata da Amanda Peet (Melinda e Melinda – Syriana), che si trasferisce nella casa della sorella Michelle (Melanie Lynskey, Due uomini e mezzo) e del marito di lei Brett (interpretato dal minore dei fratelli Mark Duplass), e l’amico Alex, attore senza un soldo con il volto di Steve Zissis, co-sceneggiatore della commedia.

Ma ci sarà di che divertirsi anche con Vice Principals, la comedy di ben 18 episodi cui la HBO ha dato il via libera, incentrata sulle vicende di un liceo e dei suoi vice presidi. Stando a quanto riporta il Rolling Stone, il presidente della programmazione HBO Michael Lombardo ha reso omaggio agli ideatori dello show Jody Hill e Danny McBride (che per l’occasione si calerà nei panni di uno dei “vice” della serie), congratulandosi con loro per aver creato “una commedia dallo stile elegante, chiassoso ed imprevedibile, di cui non si è mai sazi”. Già insieme nella serie Eastbound and Down, Hill e McBride sembrano dunque voler ripetere un esperimento che aveva dato esiti a dir poco soddisfacenti. Staremo a vedere.

Numerose quindi le new entries di questa stagione, ma i nostalgici della “vecchia” programmazione hanno poco di che allarmarsi, date le non poche conferme che il network americano ha garantito ai suoi fan.

boardwalk-empire-4Rinnovato a buon diritto per la quinta ed ultima stagione Boardwalk Empire, il crime drama ideato e sceneggiato da Terence Winter con protagonista uno splendido Steve Buscemi nei panni del boss mafioso Enoch “Nucky” Thompson; lo show continuerà ad allietare il suo pubblico con le vicende dell’Atlantic City nell’era del proibizionismo.

Buone notizie anche per i fanatici (e sono tanti) di Game of Thrones, il fantasy creato da David Benioff e D.B. Weiss, tratto dal ciclo di romanzi Cronache di ghiaccio e di fuoco di George R. R. Martin: qui si parla addirittura di una quinta e una sesta stagione. C’è poco da stupirsi, dato l’incredibile share che l’episodio premiere della stagione numero quattro riuscì a portarsi a casa – circa 6,6 milioni di spettatori, come ha sottolineato Screenrant, “l’audience più vasta che un qualsiasi programma HBO abbia mai avuto dal finale di The Sopranos…”.

getting-on-hboGetting on, medical comedy basata sull’omonima serie tv di origine britannica e diretta da Mark V. Olsen e Will Scheffer, ha superato la prova della prima stagione e si prepara alla seconda. Nel cast Laurie Metcalf (Desperate Housewives – The Big Bang Theory –  Grey’s Anatomy), Alex Borstein (Good Night, and Good Luck) e Niecy Nash (Reno 911!).

La decisione della HBO di mandare in onda una seconda stagione di Silicon Valley è stata a dir poco repentina: la prima puntata è stata lanciata il 6 aprile scorso, e solo due settimane dopo – il 21 aprile – la casa statunitense ha annunciato il rinnovo dello show creato da Mike Judge, John Altschuler e Dave Krinsky.

Cast-di-GirlsSaranno contente anche le fan della comedy-drama tutta al femminile Girls, protagonista Lena Dunham (Delusional Downtown Divas  – Mildred Pierce), incentrata sulla vita di un gruppo di ventenni che si sono appena trasferite a New York e già vincitrice del Golden Globe per la miglior serie commedia o musicale. Per lo show ideato dalla stessa Dunham si prevede infatti l’inizio di una quarta stagione nel 2015.

Confermate, infine, anche la seconda stagione di The Comeback, il mockumentary creato e interpretato dalla Lisa Kudrow di Friends, la settima ed ultima stagione di True Blood,  il drama supernatural/fantasy/horror di Alan Ball , attualmente in onda che si è col tempo guadagnato il favore di critica e pubblico, e la quarta stagione di Veep, commedia a sfondo politico creata da Armando Iannucci e interpretata da Julia Luis-Dreyfus (di recente vista al fianco di J. Gandolfini in Enough Said – Non dico altro).

Che dire, anche quest’anno ce n’è per tutti i gusti: buona visione!

Articolo precedenteCreative Arts Emmys 2014: i vincitori
Articolo successivoDownton Abbey 5, la bottiglia della discordia e la risposta del cast
Laureata alla specialistica Dams di RomaTre in "Studi storici, critici e teorici sul cinema e gli audiovisivi", ho frequentato il Master di giornalismo della Fondazione Internazionale Lelio Basso. Successivamente, ho svolto uno stage presso la redazione del quotidiano "Il Riformista" (con il quale collaboro saltuariamente), nel settore cultura e spettacolo. Scrivere è la mia passione, oltre al cinema, mi interesso soprattutto di letteratura, teatro e musica, di cui scrivo anche attraverso il mio blog:  www.proveculturali.wordpress.com. Alcuni dei miei film preferiti: "Hollywood party", "Schindler's list", "Non ci resta che piangere", "Il Postino", "Cyrano de Bergerac", "Amadeus"...ma l'elenco potrebbe andare avanti ancora per molto!