The-Lords-of-Salem-Rob-ZombieHeidi Hawthorne è una giovane Dj che lavora nella stazione radiofonica di Salem, Massachussetts, città le cui tristi storie sulla caccia alle streghe sono ormai note da generazioni: quando Heidi riceve per posta un pacco contenente un misterioso disco, credendo che si tratti di una band emergente lo ascolta immediatamente mentre si trova da sola in casa sua. Le streghe di salem. La ragazza non può immaginare che in realtà la traccia audio è la fonte di un sound demoniaco che attraverso la stazione radio si diffonderà rapidamente in tutta la città e scatenerà forze infernali assopite da secoli, riaprendo la porta dell’inferno proprio nell’infame città di Salem.

 
 

Le streghe di Salem-locandina-posterAppellandosi al folclore e alle leggende del luogo esoterico e maledetto per eccellenza, Rob Zombie si prepara a tornare all’horror con Le Streghe di Salem (The Lords of Salem), ultima fatica del regista cult de La casa dei 1000 corpi e La casa del diavolo.

Con uno spunto che sembra volere omaggiare classici del genere, per quello che molti già definiscono il film demoniaco definitivo l’ex musicista del gruppo metal White Zombie sceglie di mettere al centro della pellicola proprio il mezzo sonoro, indispensabile per il completamento della missione infernale e chiama proprio la moglie Sheri Moon Zombie per il ruolo della protagonista.

Per il ruolo delle terrorizzanti streghe di Salem, il regista ha scelto invece Dee Wallace, che molti ricorderanno come la Meg Foster di Essi Vivono (1988),  Patricia Quinn (The Rocky Horror Picture Show) e Judy Geeson; a interpretare l’autore e investigatore Francis Matthias troviamo invece Bruce Davison che ha proposito del film e della sua esperienza sul set ha detto:

“Non vedo l’ora che esca il film. Lavorare con Rob è stata una delle esperienze più belle della mia vita. Semplicemente lo adoro. Penso che le attrici che hanno interpretato le tre streghe siano state fantastiche. Ho sentito dire che il film ha creato diverse controversie. Lui è veramente talentuoso.”

Parlando del suo ruolo Davidson invece ha detto:

Sono come un investigatore e cerco capire quello che sta succedendo. Un po’ come Martin Balsam in Psycho. È un magnifico personaggio”

Un triste avvenimento ha però segnato lo svolgimento delle riprese: l’attore Richard Lynch è infatti morto prima di aver completato le proprie scene e l’incompiutezza del girato ha richiesto che la sua parte venisse riassegnata, archiviando così tutto il girato precedente; l’alto tasso di contenuti disturbanti e violenti ha ovviamente fatto anche guadagnare al film un rating R (vietato ai minori di 17 anni, non accompagnati dai genitori) .

The lords of salem-film-fotoScritto dallo stesso Zombie e prodotto dalla Haunted Films (responsabile del franchise di Paranormal Activity) ), Le streghe di Salem è stato finanziato con un budget di appena un milione e mezzo di dollari e vanta una colonna sonora composta dal chitarrista John 5 e che include fra gli altri brani dei Rush e Velvet Underground. Distribuito in Italia dalla Notorius Pictures, il film era già stato proiettato al Torino Film Festival spaccando in due il fronte degli spettatori: vedremo come reagirà il pubblico italiano, quando il film arriverà nelle sale il 18 aprile dopo un’anteprima al Future Film Festival di Bologna il prossimo 17 aprile.

Articolo precedenteJessica Biel: da casa Candem al set di Psycho
Articolo successivoColonne sonore: Django Unchained
Nata a Palermo nel 1986 , a 13 anni scrive la sua prima recensione per il cineforum di classe su "tempi moderni": da quel giorno è sempre stata affetta da cinefilia inguaribile . Divora soprattutto film in costume e period drama ma può amare incondizionatamente una pellicola qualunque sia il genere . Studentessa di giurisprudenza , sogna una tesi su “ il verdetto “ di Sidney Lumet e si divide quotidianamente fra il mondo giuridico e quello cinematografico , al quale dedica pensieri e parole nel suo blog personale (http://firstimpressions86.blogspot.com/); dopo alcune collaborazioni e una pubblicazione su “ciak” con una recensione sul mitico “inception” , inizia la sua collaborazione con Cinefilos e guarda con fiducia a un futuro tutto da scrivere .