L’uomo che vendette la sua pelle

Approda nelle nostre sale L’uomo che vendette la sua pelle che era già arrivato in Italia nel 2020, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia nella sezione “Orizzonti”, e che è stato poi candidato agli Oscar di quest’anno come Miglior film internazionale: la prima pellicola tunisina a concorrere per la categoria.

 

Diretto dalla regista e sceneggiatrice Kaouther Ben Hania, già nota per Le Challat de Tunis del 2014 e La bella e le bestie del 2017, L’uomo che vendette la sua pelle trae ispirazione da un evento realmente accaduto e a cui l’autrice tunisina ha assistito in prima persona mentre lavorava come curatrice per una mostra al Louvre del controverso artista belga Wim Delvoye.

La trama di L’uomo che vendette la sua pelle

L’opera d’arte dello stesso Delvoye in esposizione negli appartamenti “Napoleone III” consisteva nella schiena realmente tatuata di un uomo (tale Tim Steiner), il quale sedeva immobile volgendo le spalle ai visitatori del museo parigino. L’immagine sconvolge la regista al punto da farle prendere la decisione d’iniziare ad elaborare il soggetto di una storia.

L’uomo che vendette la sua pelle diventa dunque il racconto di Sam Ali (Yahya Mahayni), un siriano fuggito dalla guerra e che a Beirut incontra accidentalmente un performer d’arte (Koen De Bouw) che gli offre di realizzare il suo sogno più agognato: partire da quel luogo terribile e approdare a Bruxelles, terra di libertà in cui potersi anche ricongiungere con la sua amata Abeer (Dea Liane), ad una condizione sola: che gli conceda – per l’appunto – la sua schiena per poterne fare un’opera propria.

È interessante lo sviluppo degli argomenti, e come la regista rifletta sul significato del ricevere dal nulla proprio ciò che un intero popolo desidererebbe, ma con la conseguenza di averlo ottenuto a un prezzo molto più caro di quel che il protagonista si aspetti. In più le tematiche che serpeggiano già al principio, guizzano fuori dall’altezzosità del mondo onnipotente abitato da chi muove quantità di soldi inimmaginabili, che chiaramente si approccia a qualunque cosa come a un’opportunità di business, anche quando si tratta della vita di un uomo che ha perso tutto, e che, pertanto, è disposto a tutto.

Kaouther Ben Hania parla della pelle tatuata dall’artista come di carne da macello, sfruttata fino all’osso – è proprio il caso di dirlo – monetizzandone la storia esattamente come se si trattasse di un quadro qualunque. Tra l’altro, il personaggio che incarna il cinismo del denaro è l’assistente Soraya, interpretata da Monica Bellucci e la sua impassibile inespressività, in questo caso perfettamente funzionale alla resa del ruolo.

La recensione di L’uomo che vendette la sua pelle

Il siriano Sam Ali è insomma uno strumento, e anche la sua disperazione lo diventa, finché tutto entra in collisione con la tenuta dell’andamento del racconto. È ovviamente chiara la finalità. E l’idea, così come gli interpreti, sono condotti bene, unitamente a una fotografia elegante e in tono con gli ambienti da galleria d’arte contemporanea; ma il problema sorge quando comincia a storcersi la plausibilità dei fatti, man mano che la trama si sbroglia.

Kaouther Ben Hania fa un ottimo lavoro, questo è innegabile, ma per poter portare fino in fondo un tema di una portata tale e, di conseguenza, della storia tessuta attorno ad esso, è necessario mantenere la stessa intensità che muove il desiderio di partenza, aumentando il ritmo e premendo sulla gravità di ciò che si sta trattando. Al contrario, l’effetto finale è di un salto in un universo di fantasia, dove ogni elemento si muove come sarebbe bello che le cose andassero, palesando la finzione e l’inverosimiglianza di quanto mostrato, e afflosciando la bellezza di quello che, invece, sembrava essere stato promesso all’inizio.