Paolo Rossi - L'uomo. Il campione. La leggenda
- Pubblicità -

Tutte le migliori storie d’amore nascono da una grande passione. Quella di Paolo Rossi è sempre stata il pallone, che ha inseguito ogni pomeriggio “scappando” di casa, quando era ancora gracile e mingherlino e consumava un paio di scarpe la settimana. Il sogno del piccolo Paolo, prima ancora di diventare Paolo Rossi è al centro del documentario Paolo Rossi – L’uomo. Il campione. La leggenda (2019), per la regia di Gianluca Fellini e Michela Scolari, che arriverà nelle sale cinematografiche il 5 luglio in una versione inedita.

Il sogno del piccolo Paolo Rossi

Nei cortili, nei terreni sporchi e persino in mezzo alle strade delle città, i bambini di tutto il mondo si allenano e sognano di diventare i prossimi Rossi, Pelé, Maradona o Falcao nello sport più popolare del mondo. E’ a un gruppi di questi che Paolo si rivolge: i “ragazzi delle fogne” di Bucarest, abbandonati dalle famiglie e assistiti dalla Fondazione Parada che, attraverso l’insegnamento del calcio e delle arti performative regala loro quotidianamente speranze e sogni. Ogni sogno rappresenta per questi ragazzi un motivo per resistere, vivere, appassionarsi e ricordarci che un sogno non significa nulla se non condiviso con amore e rispetto e che un vero campione è, prima di tutto, tale nel suo cuore.

In punta di piedi e avvolto nella penombra di un religioso silenzio, Paolo Rossi ci racconta di come abbia voluto fare il professionista fin da bambino, contagiato da un nonno e un papà “sportivissimi” e influenzato dalla tecnica e dall'”opportunismo” di Kurt Hamrin. Si parte dal ricordo delle prime squadre: la Santa Lucia, formata da undici ragazzini del paesino, poi l’Ambrosiana Prato e la Cattolica Virtus, fino ai primi, importantissimi, agganci: la Juventus e l’amatissima Vicenza.

Documentario Paolo Rossi

E’ stata la Mano di…Paolo!

I momenti cruciali della vita e della carriera di Paolo Rossi vengono impreziositi dalle parole e dal ricordo “di chi c’era”: Giuseppe Farina ed Enzo Bearzot, che lo hanno sempre trattato come un figlio, sancendo un rapporto prima di tutto umano, e solo poi sportivo; il dirigente sportivo Franco Carraro, il giornalista Gianni Minà, la voce dell’idolo d’infanzia: Pelè. Con la reverenza necessaria e misurando ogni parola per ripercorrere al meglio il percorso di vita di un campione, il documentario su Paolo Rossi ci riporta alle partite più emozionanti, le prime vetrine che gli hanno consentito di mostrare il suo valore a livello mondiale, prima fra tutti il mondiale del ’78 in Argentina. Il resto è storia: Paolo è diventato “Pablito” per la stampa, uno dei primi giocatori che ha avuto lo sponsor e ha vissuto il passaggio dall’epoca romantica all’epoca del business nel mondo del calcio.

Ma un campione non è tale senza le sconfitte che, nella vita di Paolo, non sono mancate: gli infortuni al menisco, lo scandalo del Calcioscommesse e la squalifica. Da questi episodi infausti si è rialzato grazie al supporto dell’ambiente pulito, onesto e rigoroso in cui ha sempre giocato, estensione della personalità di uno dei più grandi allenatori italiani, Enzo Bearzot, che ha sempre riposto fiducia in Paolo, scegliendo di portarlo in squadra anche dopo i due anni di stop a causa della squalifica, quando nessuno avrebbe più puntato su di lui. Coi Mondiali di Spagna del 1982 e il gol che lo ha restituito a tutti, Paolo Rossi ha capito che bisogna sempre pensare alla partita successiva nella vita e che una singola vittoria può essere anche il trionfo di un Paese intero, che cerca di risollevarsi dalle turbolenze degli Anni di Piombo.

Filmati d’epoca dei campionati e testimonianze di prima mano degli stessi grandi giocatori si intrecciano dunque magnificamente in una storia toccante ed emozionante degli alti e bassi di Rossi, nel contesto di sconvolgenti eventi mondiali. Mentre il calcio si è trasformato in un business da miliardi di dollari, questo film ricorda con forza che i sogni possono diventare realtà se si segue la regola numero uno: non arrendersi mai!

- Pubblicità -