Un universo atemporale, storie sospese e personaggi caratterristici sono i protagonisti di Sacro GRA, documentario di Gianfranco Rosi che racconta il Grande Raccorso Anulare, la principale arteria che collega Roma alla rete stradale italiana.

 

Vero nervo scoperto dei frequentatori dell’autostrada e dei lavoratori che lo affrontano ogni giorno in macchina, il GRA é in realtà depositario di una realtà sommersa, una fetta di umanità ancorata al passato che ristagna nel proprio brodo primordiale, eternamente immobile. Rosi si approccia alle sue storie con lo spirito dell’osservatore, senza sentire la necessità di raccontare e spiegare ció che vediamo. L’umanità che ci propone il regista non ha un futuro ma sembra nascere dallo stesso ciglio stradale lungo cui l’asfalto forma il grande cerchio, l’anello di Saturno che separa l’interno dall’esterno.

Donne che vivono di espedienti, l’ultimo anguillaio dell’Aniene, persone in atesa di prendere posto negli alloggi popolari loro assegnati di diritto, un uomo che lavora sulle ambulanze, un principe: le persone che popolano la strada si raccontano senza spiegarsi e forse per questo rimangono ancor apiù in testa allo spettatore, proprio perché ne destano la curiosità. A condurre il racconto, in senso esteso, c’è un palmologo che conduce ogni giorno la sua battaglia contro il punteruolo rosso che rischia di distruggere tutte le sue palme. Rosi, così come il palmologo, ascolta il ronzio delle larve, delle persone che brulicano instancabili e allo stesso tempo immobili intorno al grande anello di Saturno.

Presentato in concorso al Festival di Venezia 2013, Sacro GRA è un documentario atipico e anarrativo che per la sua natura astratta potrebbe affascinare anche il pubvlico internazionale.