the lodge recensione

Dopo il successo di Goodnight Mommy, presentato alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia alla sua 71° edizione, Severin Fiala e Veronika Franz tornano al cinema con The Lodge, che parte da un concept molto simile al loro film d’esordio, ma che ha esiti estremamente differenti.

Nell’opera prima dei registi austriaci una donna, a seguito di un incidente, rimane profondamente sfigurata e i suoi figli non riescono a riconoscere, sotto alle bende che le proteggono il volto, la madre che conoscevano. In questo film, invece, una giovane donna rimane da sola con i figli del nuovo fidanzato, che rifiutano la sua esistenza nella vita del padre e la colpevolizzano per il suicidio della madre. In una baita in montagna, isolati dal resto del mondo, i tre dovranno fare i conti con fantasmi del passato e segreti inconfessabili, mentre lo spettatore sarà di volta in volta tratto in inganno, senza capire da che parte sia la verità.

 

La trama di The Lodge

Il concept del film è decisamente vincente. La prima mezz’ora della storia imposta una serie di elementi molto intriganti, che sembrano appartenere al genere thriller che volge al sovrannaturale, dal trauma nella vita dei piccoli protagonisti (il suicidio della madre) al passato inquietante della loro aspirante matrigna che, da piccola, fu l’unica sopravvissuta di una strage dai risvolti misteriosi che vide vittima un’intera setta religiosa guidata dal padre della donna.

A questi elementi, che si collocano perfettamente nella tradizione del genere thriller, e che quasi arrivano a lambire l’horror, si infrangono però contro un problema di fondo, in The Lodge: la storia sembra girare su se stessa e moltissimi di questi elementi non trovano un vero e proprio riscontro nello sviluppo delle vicende, non trovano una giustificazione nel corso degli eventi. La casa delle bambole sembra premonire ed evocare ciò che accadrà, ma non assume mai un vero e proprio senso diegetico, limitandosi ad essere una specie di elemento premonitorio soltanto per lo spettatore.

Allo stesso modo, il passato traumatico della protagonista femminile finisce per essere solamente tratteggiato, un gancio per spingere i due bambini a prendere delle decisioni specifiche, nel film, che porteranno avanti la narrazione in maniera che confonde lo spettatore, ma forse non nella maniera partecipativa sperata. Ovvero lo spettatore si ritrova confuso dal racconto, ma non perché i registi riescono ad instillare in lui il dubbio sull’identità del “cattivo” nella storia, ma perché loro stessi sembrano confusi nella rappresentazione degli eventi.

Una bella regia non basta

Nonostante questo aspetto abbastanza importante, Severin Fiala e Veronika Franz si confermano maestri della messa in scena e della regia, riuscendo a sopperire alle mancanze della scrittura con uno stile davvero elegante, che mette in risalto le location incredibili e le performance, anch’esse degne di nota. Su tutti Riley Keough che riesce con grande bravura a tratteggiare il suo personaggio, nonostante una scrittura non troppo solida.

The Lodge utilizza al meglio il linguaggio del thriller ma distribuisce male gli elementi della sua storia, provocando un effetto di insoddisfazione laddove non tutti i nodi narrativi sembrano trovare una risoluzione o una spiegazione.

RASSEGNA PANORAMICA
Chiara Guida
Articolo precedenteBloodshot: trailer del film con Vin Diesel
Articolo successivoJason Biggs: 10 cose che non sai sull’attore
Laureata in Storia e Critica del Cinema alla Sapienza di Roma, è una gionalista e si occupa di critica cinematografica. Co-fondatrice di Cinefilos.it, lavora come direttore della testata da quando è stata fondata, nel 2010. Dal 2017, data di pubblicazione del suo primo libro, è autrice di saggi critici sul cinema, attività che coniuga al lavoro al giornale.