La fantasia degli allievi prende vita sullo schermo: ancora aperte le iscrizioni – a NUMERO CHIUSO – al Workshop Avanzato di Animazione Stop-Motion tenuto da Stefano Bessoni all’Accademia di Cinema Griffith. Non è un sogno, è realtà. Si buttano giù delle idee, si creano dei personaggi o delle creature immaginarie, si disegna e si modella…
Si costruiscono degli scheletri, si fabbricano pupazzi, burattini… E poi – con postazioni di ripresa, software dedicati e una macchina fotografica digitale – si fa il miracolo: disegni, creature, pupazzi e burattini come per magia prendono vita! Questa è la “stop-motion”, una tecnica di animazione cinematografica con una lunga storia, largamente utilizzata per la realizzazione degli effetti speciali nel cinema, e finalmente approda nelle aule dell’Accademia di Cinema e Televisione Griffith, in un workshop – breve, intensivo e avanzato – che fornirà a tutti gli allievi gli strumenti per animare sullo schermo cinematografico le creature più bizzarre della propria fantasia.
A tenerlo sarà proprio Stefano Bessoni, il principale esponente italiano di un cinema visionario basato anche su questa tecnica, prolifico illustratore (v. “Homunculus”, appena uscito in tutte le librerie), regista esplorativo e fantastico (v. “Imago mortis” e “Krokodyle”), formatore che  già da tempo con successo approfondisce la stop-motion anche nelle sue lezioni di cinema, oltre che nei suoi film.
C’è tempo ancora fino al 22 settembre per iscriversi al nuovo Workshop Avanzato di Animazione Stop-Motion tenuto dal regista Stefano Bessoni. Il Master si terrà presso l’Accademia Griffith dal 26 settembre al 4 ottobre30 ore di lezione + 5 ore di “Spazio Sperimentazioni”, distribuite in poco più di una settimana.
Il programma includerà:
– Storia della tecnica stop-motion, con l’analisi di alcuni autori: Stanislaw Starewich, Ray Harryhausen, Jan Svankmajer, Brothers Quay ed Henry Selick.
– Grandi film in animazione stop-motion, come Coraline, Fantastic Mr. Fox, The Corpse Bride, ecc. (proiezione di sequenze tratte dai film citati).
– Incontro di natura tecnica, dove si parlerà della fabbricazione degli scheletri, da quelli semplici in filo di ferro intrecciato a quelli complessi con snodi a sfere e micro-regolazioni a vite.
– Le varie tipologie di materiali per la costruzione dei burattini, dalla modellazione allo stampo e alle repliche in serie, le varie tipologie di plastilina, le schiume, le resine e il lattice (proiezione di fotografie inerenti gli argomenti trattati).
– visita con spiegazione al Leonardo Cruciano Workshop, per approfondire le nozioni riguardanti i materiali e le tecniche di fabbricazione di burattini e micro-set.
– Fabbricazione guidata di scheletri e burattini: ogni iscritto potrà progettare ed impostare il proprio burattino.
– approfondimento dei software per realizzare film in stop-motion, in particolare “Dragon Stop Motion” (proiezione dell’interfaccia del programma e analisi di alcune animazioni realizzate).
– realizzazione di brevi inquadrature in stop-motion.
Sarà chiaramente a disposizione dei partecipanti il materiale di base per la realizzazione dei burattini ed una o più postazioni di ripresa.
Parallelamente proseguono le iscrizioni ai corsi di RegiaSceneggiaturaFotografiaMontaggioRecitazione, nonché il primo corso in Italia per Filmmaker con indirizzo Visionario e Fantastico, tenuto dallo stesso Bessoni.
 
Per info e ulteriori dettagli:  www.griffithduemila.com – [email protected]