studio fersen 2Riapre domani, lunedì 14 ottobre a Roma, per volontà della “Fondazione Fersen”, lo “Studio Fersen di Arti Sceniche”. Lo Studio, creato nel 1957 da Alessandro Fersen, drammaturgo, regista e teorico del teatro, è rimasto aperto fino agli anni ’90 ed e’ stato un punto di riferimento per la scena culturale italiana. Frequentato da intellettuali e artisti come Pasolini, Dario Fo, Grotowski ed Andy Warhol, lo Studio Fersen ha formato attori quali Claudia Cardinale, Paola Pitagora, Monica Guerritore, Alessandro Haber, Cosimo Cinieri.
Fersen studioUn’occasione da non perdere per tutti coloro che vogliano conoscere o approfondire la conoscenza delle arti sceniche e, soprattutto, se stessi.Nel 1957, all’apertura dello “Studio”, Fersen parte da Stanislavskij, il primo a teorizzare  la necessità d’introspezione dell’attore. Fersen capisce che la tecnica del russo, che insegna all’attore ad individuare oggettivamente e assimilare le “intenzioni” del personaggio, è da superare. L’attore deve conoscere soprattutto se stesso e questa conoscenza deve divenire a sua volta sentimento. Per Fersen la vita teatrale deve tornare alla dimensione perduta del rito, all’origine. Da queste constatazioni di ordine filosofico ed antropologico prende il via la tecnica psicoscenica dell’attore, una vera e propria grammatica interiore che ha un valore formativo e costituisce la spina dorsale dell’interpretazione scenica. Nello “Studio” la tecnica si sviluppa, attraverso una serie di esercizi,  in due direzioni, l’abbandono ed il controllo:

“Si tratta di eliminare storture e manomissioni che influiscono sulla personalità dell’attore, di risalire alle origini stesse della vita teatrale in noi.E’ un itinerario a ritroso nel tempo individuale e nel tempo storico insieme; un itinerario dalla superficie alla profondità: giacché il presente è la nostra superficie, nelle profondità dorme il nostro passato individuale ed ancestrale”.

 

Direttore dello Studio Fersen oggi è Marco Colli, allievo e aiuto regista di Alessandro Fersen negli anni ’70 e ’80, che ha insegnato per molti anni allo Studio, prima della sua chiusura. Colli ha inoltre lavorato come regista, sceneggiatore ed autore in cinema, teatro e televisione. Materia del suo corso, la tecnica psicoscenica, secondo le direzioni indicate dal metodo elaborato dal maestro. Colli  sarà coadiuvato da Milco Paravani, attore e uno degli ultimi allievi di Fersen, che condurrà le esercitazioni con gli attori.

Clemente Tafuri e David Beronio, direttori artistici del Teatro Akropolis di Genova, condurranno il corso – laboratorio “Il potenziale espressivo del corpo”: la pratica e lo sviluppo di un sistema di esercizi che introduce i partecipanti alle diverse problematiche del lavoro fisico dell’attore. Gli esercizi mirano all’approfondimento degli aspetti primitivi dell’azione mitica, ovvero un’azione svincolata da ruoli, personaggi e codici, capace di evocare più che rappresentare, frutto di un dissolvimento dell’identità che gli attori raggiungono nel lucido abbandono all’intreccio di forze in cui i corpi si trovano calati.
studio fersenFersen ha lavorato con Kantor e, a Pontedera, al fianco di Grotowski, ha sviluppato un suo percorso di lavoro e ricerca per arrivare ad un’idea della totalità espressiva della scena, come idea e luogo dove arte e vita si fondono. Dalle differenze formali e di metodo fra Kantor, Fersen e Grotowski, Arpini ha colto quell’unità essenziale di un teatro che è delle origini e della contemporaneità: l’organo pulsante che ha determinato e guidato, anche se in percorsi diversi, il lavoro dei maestri polacchi, è la memoria, con i suoi meccanismi: una macchina eminentemente teatrale.
Corsi di alta formazione si svolgeranno nei week end ed avranno una durata di 30 ore circa, saranno tenuti da importanti figure del teatro, quali la scenografa e costumista Santuzza Calì, il professor Ferruccio Marotti ed altri personaggi dello spettacolo e non solo: attrici, danzatori, registi, poeti, sciamani.
Il nuovo Studio Fersen di Arti Sceniche è ospitato all’interno dell’Istituto Tecnico Industriale Galileo Galilei di Roma. Il grande edificio, progettato negli anni ’20 dall’architetto Marcello Piacentini, si affaccia su via Conte Verde al numero civico 51, a due passi da Piazza Vittorio e dalla Stazione Termini, a pochi metri dalla fermata della Metro A -Manzoni.

www.studiofersen.it