Die Hard - Un buon giorno per morire

La Twentieth Century Fox è in trattative con il regista Len Wiseman per sviluppare Die Hard 6, sesto capitolo del franchise che si chiamerà Die Hard Year One. La serie, avviata 27 anni fa, nel 1988, ha trasformato Bruce Willis in una star cinematografica planetaria, grazie all’ormai iconico poliziotto John McClane.

 

Die Hard Year One, che sarà prodotto dallo stesso Wiseman e da Lorenzo di Bonaventura (l’uomo dietro ai franchise di Transformers e G.I. Joe), dovrebbe tornare alle origini e raccontare gli inizi del personaggio, mostrando un giovane John McClane in azione nella New York del 1979. L’idea di un prequel deriva da un fumetto della Boom! Studios, intitolato proprio Die Hard: Year One e pubblicato tra il 2009 e il 2010.

Bruce Willis, che non ha ancora firmato alcun contratto, dovrebbe riprendere il ruolo di McClane in sequenze ambientate nel nostro attuale presente. Dovrà essere, quindi, ingaggiato un attore più giovane che incarnerà il suo stesso personaggio negli anni Settanta. Del resto, Bruce Willis è abituato a confrontarsi con altri sé stessi, come dimostrano Looper di Rian Johnson, L’esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam e Faccia a faccia (The Kid) di Jon Turteltaub.

Len Wiseman, che ha già diretto nel 2007 Die Hard – Vivere o morire, e di Bonaventura sono alla ricerca di uno sceneggiatore che si occupi di questa nuova fase della serie, chiamata a rinverdire i fasti del passato dopo che l’ultimo (e deludente) Die Hard – Un buon giorno per morire ha stentato in America al botteghino, pur tenendo sui mercati internazionali.

Fonti: Deadline e Comingsoon.net