Kevin Feige, Marvel Studios,

Le scene dopo i titoli di coda dei film Marvel sono diventate un vero e proprio appuntamento fisso. Dalla prima scena della storia Marvel, con Nick Fury che annuncia il progetto Avengers, si è passati a due scene a metà e alla fine dei titoli, e adesso con Guardiani della Galassia Vol. 2 siamo arrivati addirittura a cinque.

Ma come è nata l’usanza delle scene post credits nei film Marvel? A questa domanda ha risposto Kevin Feige.

“Mi sono sempre piaciute queste cose, come in Ferris Bueller o in Masters of the Universe. Da nerd di film, non volevo che finissero. Non volevo che finisse l’esperienza… non importa quanto brutto o bello fosse il film, volevo che l’esperienza al cinema continuasse. Quindi mi piaceva rimanere seduto a vedere le scene post-credits.

(…)

Quindi quando ho cominciato a fare film, ho pensato che mi sarebbe piaciuto. Non volevamo mettere la scena di Nick Fury nel film, perché avrebbe distratto il pubblico. Quindi abbiamo pensato di metterla alla fine per le persone come me, che restano fino alla fine dei titoli.”

Marvel Movies: che destino per Howard il Papero?

Una delle ultime dichiarazioni di Kevin Feige in merito ai film Marvel Studios, riguardava la teoria che collega i cameo di Stan Lee tra loro. Potete leggere qua le dichiarazioni.

Fonte: SlashFilm