sedicicorto

Sedicicorto Forlì International Film Festival 2020, si chiude la diciassettesima edizione del festival del cortometraggio romagnolo. Un appuntamento che nel corso degli anni si è ritagliato un posto importante nel panorama di settore internazionale, come dimostra la selezione, ogni anno sempre più ricca numericamente e qualitativamente. Quest’anno il festival diretto da Gianluca Castellini può essere preso come “case history” per tutti gli eventi che dovranno confrontarsi con il mondo nell’era del Covid.

 

Alcuni numeri di questa edizione: 4.758 Film iscritti da 128 Paesi, di cui 469 italiani ( 9,9%),  214 film selezionati da 48 Paesi, di cui 40 italiani, con una rappresentanza di genere pari al 64,7% di autori uomini e il 36,3% di autrici donne.

Pensato come festival ibrido già da aprile, Sedicicorto, come la Mostra Internazionale d’arte cinematografica di Venezia, ha confermato che la sala cinematografica è un posto sicuro, come dimostrato dal sold out registrato per tutte le proiezioni e gli eventi live.

Gli oltre 300 abbonamenti digitali acquistati su MyMovies.it, piattaforma all’avanguardia e con margini di crescita enormi, hanno confermato che l’interazione tra il mondo reale e quello virtuale offre l’opportunità di rivoluzionare il concetto stesso di festival, abbattendo confini fisici, sociali e culturali attraverso l’utilizzo delle moderne tecnologie di comunicazione che il lockdown ha portato in tutte le case.

Ancora numeri: Oltre 10.000 ore di visione, 30.000 utenti unici, un festival che ha superato i confini territoriali, con il 21% degli spettatori localizzati a Milano, a trecento chilometri dalla Sala San Luigi di Forlì, dove da venerdì 2 a giovedì 8 ottobre un pubblico in carne e ossa ha assistito alle proiezioni dei programmi speciali, della terza edizione di IranFest, rispettando le distanze di sicurezza, con la mascherina sul viso, in una sala sanificata dopo ogni proiezione. Sala San Luigi che ha riaperto il 15 giugno e che continua la sua programmazione, a dispetto di chi afferma che il cinema sul grande schermo ha fatto il suo tempo.

Non è così. Lo ha dimostrato Venezia, lo ha ribadito Sedicicorto, lo confermeranno tutti quei festival che nelle prossime settimane proietteranno i loro programmi in una sala.

L’appuntamento con Sedicicorto è per l’edizione 2021, la diciottesima, festeggiando la maggiore età di un piccolo grande festival riabbracciando una sala piena in ogni ordine di posti, ma anche continuando a portare i suoi film in giro per il mondo grazie alle proiezioni on line.

Come per tutti i festival, ci sono anche i premi. Di seguito la lista di tutti i riconoscimenti, anche se mai come quest’anno a Sedicicorto hanno vinto davvero tutti.

IL PALMARES DI SEDICICORTO 2020

  • ANIMARE Sezione dedicata ai film di animazione per bambini e ragazzi

Vince il premio LUMINOR
028 di Caussé, Collin, Grardel, Marchand, Merle, Meyran (France, 2019)

  • NO+D2 Sezione internazionale dedicata ai film brevissimi con durata non oltre i 2 minuti

Giuria composta da: 500 studenti tra i 13 e i 18 anni delle scuole medie e superiori del territorio di Forlì

Vince il premio LUMINOR Électrique, di François Le Guen (France, 2020)

  • CORTOINLOCO Sezione dedicata ai film di autori della regione E.R.

Giuria composta da: la scuola di Cinema di Cesena diretta da Giampaolo Mai

Vince il premio LUMINOR: Vomag di Riccardo Salvetti (Italy, 2020)

Vince il premio Womaninset: Gas Station di Olga Torrico (Italy, 2020)

  • EXPERIA Sezione internazionale dedicata ai film sperimentali. La giuria era composta da: I componenti dell’Associazione sedicicorto di Forlì.

Vince il premio LUMINOR: How to Disappear di Robin Klengel, Leonhard Mullner, Michael Stumpf (Austria, 2020).

  • IRANFEST Sezione dedicata da autori di origine Iraniana.

Giuria composta da: Milad Tangshir , Giancarlo Zappoli, Aitor Arenas Suso.

Vince il premio LUMINOR: Weekend di Ario Motevaghe (Iran 2019)

Menzione Speciale: The Visit di Azadeh Moussavi (Iran, 2020)

Sezione Animazione – Vince il premio LUMINOR The Eleventh Step di Maryam Kashkoolinia (Iran, 2020).

Menzione Speciale: Grandad was a Romantic di Maryam Mohajer (Iran, 2020)

  • CORTITALIA Sezione dedicata ai film di ogni genere realizzati da autori italiani o di origine italiana.

Giuria composta da: Elena Bouryka, Boris Sollazzo, Steve Della Casa

Vincono il premio LUMINOR EX AEQUO

La Grande Onda di Francesco Tortorella (Italy, 2020)

Settembre di Giulia Louise Steigerwalt (Italy, 2019)

  • ANIMALAB Sezione dedicata ai film di internazionali di animazione.

Giuria composta da: JooYoung Soheili, Monica Manganelli, Virgilio Villoresi

Vince il premio LUMINOR: Daughter di Daria Kashcheeva (Czech Rep., 2019)

  • MOVIE Sezione dedicata ai film internazionali di fiction e documentari

Giuria composta da: Sandrine Cassidy, Giacomo Manzoli, Laurence Boyce.

Vince il premio LUMINOR: The Present di Farah Nabulsi (Palestine, 2019)

Menzione Speciale: Bebaak di Iqbal Shazia (India, 2019)