golden globes 2021 sacha baron cohen
78th ANNUAL GOLDEN GLOBE AWARDS -- Pictured: Sacha Baron Cohen (center left, with Isla Fisher, center right) accepts the Best Picture – Musical/Comedy award for ‘Borat Subsequent Moviefilm’ via video from Kristen Wiig (left, in character as Star) and Annie Mumolo (right, in character as Barb) at the 78th Annual Golden Globe Awards held at the Beverly Hilton Hotel on February 28, 2021. -- (Photo by: Christopher Polk/NBC)

La notte dei Golden Globes 2021 è stata davvero emozionante per Sacha Baron Cohen, che ha portato a casa due delle tre nomination ricevute dalla Hollywood Foreign Press Association, quest’anno (le interpretazioni in Borat seguito di film e in Il processo ai Chicago 7 e il miglior film musical o comedy per Borat seguito di film).

Oltre ad essere l’unico attore della storia del premio ad aver vinto due volte per l’interpretazione dello stesso personaggio, a distanza di 16 anni dal primo Borat, Cohen ha anche fatto in modo di puntare il dito contro la mancanza di membri di colore nell’organizzazione, parlando dio una “all-white” Hollywood Foreign Press Association, ma soprattutto ha ritenuto giusto ringraziare nel suo discorso… Rudy Giuliani che, suo malgrado, è il protagonista di una delle scene più importanti del film.

Ecco cosa ha detto Sacha Baron Cohen“Grazie alla Hollywood Foreign Press tutta bianca. Devo dire che questo film non sarebbe stato possibile senza il mio co-protagonista, un nuovo talento che è venuto dal nulla e si è rivelato un genio della commedia. Sto parlando, ovviamente, di Rudy Giuliani. Voglio dire, chi può ottenere più risate da una semplice decompressione? Incredibile. Il nostro film è stato solo l’inizio per lui.”

BORAT SUBSEQUENT MOVIEFILM: DELIVERY OF PRODIGIOUS BRIBE TO AMERICAN REGIME FOR MAKE BENEFIT ONCE GLORIOUS NATION OF KAZAKHSTAN è diretto da Jason Woliner, scritto da Sacha Baron Cohen & Anthony Hines & Dan Swimer & Peter Baynham & Erica Rivinoja & Dan Mazer & Jena Friedman & Lee Kern, prodotto da Sacha Baron Cohen, Monica Levinson e Anthony Hines, executive producer: Buddy Enright, Nicholas Hatton, Peter Baynham, Dan Mazer e Stuart Miller, con Sacha Baron Cohen & Irina Nowak.