Harry Potter and the Cursed Child

La saga letteraria di Harry Potter si è ufficialmente conclusa con I doni della morte, nonostante la Warner Bros. sia riuscita ad estendere il franchise cinematografico a otto episodi, dividendo l’adattamento del romanzo conclusivo in due film.

Da allora ci sono stati i film della saga spin-off, Animali Fantastici, nonostante il secondo (ad oggi ne sono stati realizzati due, mentre un terzo è attualmente in produzione) non sia stato accolto particolarmente bene dalla critica e non abbia raccolto quanto sperato al botteghino. Di conseguenza, l’entusiasmo per il terzo sopracitato capitolo è stato in qualche modo smorzato. Tuttavia, una volta terminata la saga con protagonista Newt Scamander (sono previsti ancora altri due film, per un totale di cinque episodi), i fan si chiedono cosa accadrà al longevo franchise.

Durante un intervento alla Morgan Stanley Technology, Media & Telecommunications Conference, Jason Kilar, CEO di WarnerMedia, ha anticipato quale potrebbe essere il futuro del Wizarding World sul grande schermo dopo la conclusione della saga di Animali Fantastici. “C’è questa piccola cosa chiamata Harry Potter, che è uno dei franchise più amati”, ha dichiarato Kilar (via The Hollywood Reporter). “Siamo incredibilmente grati di avere la possibilità di collaborare con J.K. Rowling. Direi che c’è anche molto da esplorare”.

La fonte sottolinea che le dichiarazioni di Kilar potrebbero fare riferimento alla tanto chiacchierata serie tv in live action in arrivo su HBO MAX. Tuttavia, riporta anche che “la Warner Bros. potrebbe decidere di sviluppare un nuovo tent-pole basato sullo spettacolo teatrale Harry Potter e la maledizione dell’erede.”

In attesa di eventuali nuovi dettagli, ricordiamo che Harry Potter e la maledizione dell’erede è diviso in due parti. La storia si concentra sugli anni da “babbano” di Harry, quando era soltanto un orfano sfortunato che viveva in un sottoscala ed era malmenato dal prepotente cugino.