Di recente molti attori di Harry Potter sono tornati a parlare della loro esperienza con la celebre saga. Gli interpreti dei gemelli Wesley, ad esempio, hanno rivelato che all’inizio delle riprese non erano a conoscenza di quale personaggio avrebbero interpretato; Rupert Grint (Ron Weasley) ha ammesso di aver visto solo tre degli otto film del franchise, mentre l’attore che ha prestato il volto a Neville Paciock ha rivelato che ad oggi è molto difficile per lui rivedere i film del franchise.

 

Nonostante il successo del franchise persista ancora oggi, pare che non tutti i membri del cast siano legati ad esso allo stesso modo di quel pubblico che ha contribuito alla sua immensa fortunata. Di recente, anche Daniel Radcliffe, l’interprete di Harry, è tornato a parlare della sua esperienza in una recente intervista con Empire (via Metro) che ha dedicato uno speciale alla celebre saga in occasione dei suoi 20 anni.

Nonostante sia “incredibilmente grato” per aver avuto la possibilità di interpretare un personaggio come Harry Potter, Radcliffe ha ammesso di sentirsi “profondamente in imbarazzo” di fronte ad alcuni momenti del film a causa della sua recitazione: “È difficile separare il mio rapporto con Harry dal mio rapporto con i film nel loro insieme”, ha spiegato l’attore trentunenne. “Sono incredibilmente grato per quell’esperienza. Mi ha fatto capire cosa volessi fare realmente per il resto della mia vita. Riuscire a capire cosa ami fin da subito è davvero un privilegio. Tuttavia, mi sento profondamente in imbarazzo di fronte ad alcune scene, e questo a causa della mia recitazione. Penso che sia come chiedere a qualcuno di ricordare la propria adolescenza. C’è così tanto in ballo che è difficile parlarne facendo riferimento ad una singola sensazione.”

È importante ricordare che Radcliffe aveva solo 12 anni quando è stato scelto per interpretare il ruolo del protagonista nella celebre saga, quindi i sentimenti dell’attore nei confronti della sua performance sono assolutamente comprensibili. Tuttavia, è innegabile quanto il pubblico sia stato testimone di una vera e propria evoluzione del suo talento, tant’è che ad oggi, riuscire ad immaginare un altro attore nei panni di Harry è praticamente impossibile.