Takeaway
- Pubblicità -

Cinefilos.it offre la possibilità di vedere al cinema, gratis, Takeaway, il nuovo film di Renzo Carbonera con l’ultima apparizione cinematografica di Libero De Rienzo. Nel cast ci sono anche Carlotta Antonelli, Primo Reggiani e Paolo Calabresi.

- Pubblicità -
 

Ecco le città in cui sarà possibile partecipare alle anteprime:

  • ROMA – Cinema MIGNON – 30 inviti (60 biglietti)
  • NAPOLI – Cinema MODERNISSIMO – 20 inviti (40 biglietti)
  • TORINO – Cinema GREENWICH – 10 inviti (20 biglietti)
  • MILANO – Cinema CENTRALE – 5 inviti (10 biglietti)
  • BOLOGNA – Cinema ODEON – 20 inviti (40 biglietti)

I biglietti saranno validi per qualsiasi spettacolo di giovedì 20, venerdì 21, sabato 22 e domenica 23 gennaio p.v. e potranno essere richiesti, fino ad esaurimento, inviando una email a [email protected] in cui andranno specificati il giorno in cui si intende utilizzare i biglietti e un secondo giorno alternativo nel caso per il giorno prescelto non ci sia più disponibilità di posto.

I biglietti potranno essere ritirati direttamente alla cassa dei cinema presentando la email di conferma ricevuta unitamente ad un documento di identità ed al Green Pass.

Guarda il trailer di Takeaway

La trama di Takeaway

Siamo nel 2008, agli albori della grande crisi finanziaria globale. Maria (Carlotta Antonelli) è un’atleta, una marciatrice. L’orgoglio di papà (Paolo Calabresi), che vorrebbe vederla coronare un sogno di successo. La mamma (Anna Ferruzzo), invece, è più scettica, sebbene Johnny (Libero De Rienzo), compagno della ragazza, che ha quasi il doppio dei suoi anni, sappia come tenere vivo il sogno di Maria e dei suoi genitori. Per questo motivo Johnny ha il frigo pieno di boccette, avendo aiutato molti giovani con sostanze illegali, nel suo passato da preparatore atletico. Tom (Primo Reggiani) è uno di questi e sta cercando Johnny, ritenendolo responsabile del fatto che il doping gli ha rovinato carriera e salute. Ma i piani di vendetta di Tom si infrangono quando lui e Maria iniziano una relazione e i dubbi di lei crescono, come una febbre incontrollabile.
- Pubblicità -