Freaks è il film Horror del 1932, vero e proprio cult, di Tod Browning con protagonisti nel cast Wallace Ford, Leila Hyamas, Olga Baclanova e Rosco Ates.

Trama del film Freaks

Freaks FilmTra gli artisti di un circo che ha tra le sue attrazioni esseri bizzarri e deformi, nascono relazioni morbose. Il nano Hans è innamorato della bella Cleopatra, una donna “normale” e avvenente, che lavora nel medesimo circo come trapezista. In realtà, la trapezista è interessata solo al denaro di Hans e progetta con il suo amante – il forzuto del circo, Hercules – di ucciderlo per godersene l’eredità.

La fidanzata di Hans, Frieda, anch’essa affetta da acondroplasia, lo mette in guardia su Cleopatra perché diffida di lei. Ciò malgrado si arriva al matrimonio tra Hans e Cleopatra, che continua ad intrattenere la sua relazione con Hercules. Ma qui, con grande sgomento di Cleopatra, i Freaks che avevano scoperto il tradimento e i veri sentimenti che Cleopatra e il suo amante nutrivano per loro, si ribellano e portano a compimento la loro atroce vendetta: dopo un inseguimento tra i più terrificanti della storia del cinema Cleopatra ed il “forzuto” ricevono la loro punizione.

I Freaks si accaniscono a torturarli e mutilarli riducendo lui a un grasso eunuco e lei ad una tale deformità che in futuro sarebbe stata presentata al pubblico come la “donna gallina”

Analisi del film Horror Freaks 

Comunque  se ne parli la storia del genere dell’orrore ha vissuto momenti sconvolgenti nell’arco di tutto un secolo di vita del cinematografo. Molto spesso questi momenti erano strettamente legati all’uscita di film che per un verso o nell’atro scioccavano la sale stracolme di gente inorridita di fronte a spettacolo molto spesso troppo orrorifici da poter essere fruiti e “sopportati”.

Se film come L’esorcista o Shinning hanno provocato nell’opinione pubblica e critica sgomento, di sicuro un titolo ben meno noto ma altrettanto spaventoso diede inizio a questa serie di film “scandalo”. Stiamo parlando del bel ma “brutto” Freaks di Tod Browning, uno che di horror ne mastica abbastanza, a cui ha dedicato gran parte della sua carriera e come non poterlo allora citare in questa nostra amata rubrica.

Il Freaks del regista è un film altamente disturbato, flop al botteghino, bollato come un’opera inguardabili a causa dei suoi contenuti estremi, maledetto e censurato tanto da levargli ben 30 minuti e ridurlo a poco più di 65  senza scene finali e con una misera inquadratura, che però rende pienamente giustizia alla storia dei personaggi.

Il film, visto ben 76 anni dopo, conserva ancora quel potenziale visivo che tanto ha scomodato e che difficilmente risulta essere un film godibile dal punto di vista puramente estetico, forse con il senno di poi, ma va anche detto  che forse qualcuno in quegli anni ha avuto la coda di paglia di fronte alla lezione di vita del regista. 

In Freaks, i veri mostri sono le persone cosiddette normali –  che ingannano, feriscono, mettendo al bando chi è più brutto o semplicemente chi è affetto da una forma di nanismo, o qualsivoglia connotato non esteticamente presentabile, trattandolo peggio di un animale e infierendo sulla sua sensibilità e sulla sua umanità. Polemica questa, che come anticipato prima, bruciò qualche coda di paglia, direi molte; tanto scandaloso da essere bandito  in Inghilterra per trent’anni.

Tutto questo perché non esistono effetti speciali o trucco, tutto ciò che la macchina da presa ci mostra è reale. Freaks è semplicemente uno spaccato dell’ambiente circense, ambiente tra l’altro ben conosciuto dal regista avendovi lavorato per molti anni durante la gioventù, un microcosmo di umanità diversa, dove i fenomeni da baraccone, gli scherzi di natura, i Freaks appunto, ci sono mostrati per quello che sono, senza pietismi. Le gemelle siamesi, la donna barbuta, l’uomo torso, l’uomo serpente e le ragazze macrocefale con le teste a spillo sono realmente così come li vediamo, senza ricorrere all’artificio di nessun trucco. E’ nello stesso modo, con la stessa semplicità Tod Browing raccoglie  spezzettati delle vere sembianze che si nascondono sotto un bel visino e sotto una montagna di muscoli; è li che cova il vero mostro, come lo erano le persone qualunque per Frankenstein, come per il Fantasma dell’Opera o The Elephant Man Alla base di tutta questa mostruosità che dimostra il genere umano c’è: la paura per la diversità.

È l’essere diverso che ci spaventa e per questo va rifiutato e messo al bando; non siamo capaci di accettare le persone per quello che sono,  e non siamo neanche disposti a vedere, o meglio a credere che qualcosa di buono possa  celarsi sotto l’aspetto esteticamente diverso, estranio. Molte sono le figure classiche del cinema horror che vengono citate sotto questa tema ricorrente e molti altri si rifaranno ai personaggi del circo dei Freaks, tanto da diventare un vero e proprio classico del genere.

Freaks in definitiva non mostra niente di così inguardabili come all’epoca si cercò di far credere…forse il film ha mostrato la vera natura di noi uomini che dietro a ipocrisie nascondiamo la paura di aprirci al diverso.

Curiosità sul film Freaks

Si tratta, sotto molto aspetti, di un’opera anomala e in un certo senso anche maledetta (all’interno del panorama cinematografico degli anni in cui fu prodotta), circondata fin dalla sua uscita da un’aura di mistero, incubo e paura. In Inghilterra ne fu vietata la visione per circa trent’anni

Il film deve gran parte della sua celebrità anche alla presenza nel cast di veri freaks: termine che in maniera assolutamente cruda definisce nella lingua inglese persone con gravi deformità fisiche.

Concepito inizialmente come film horror per risollevare le sorti della compagnia Metro-Goldwyn-Mayer, alla sua uscita viene invece dapprima rinnegato dalla stessa società di produzione e poi drasticamente censurato.

In realtà la pellicola – che narra le vicende in un circo di un gruppo di teatranti ostacolati da una cinica rivale – non analizza in maniera né impietosa né elogiativa la triste e mostruosa condizione dei protagonisti. Il film si presenta invece come un’amara, caustica ma anche toccante allegoria sulla “diversità”, affermando che talvolta è proprio dietro la “normalità” che si nasconde la vera “mostruosità”.

A seguito di immani contestazioni avute dopo la proiezione della prima, il regista Tod Browning (al quale Hollywood chiuse le porte dopo questo film, forse proprio a causa della sua vicenda maledetta), dovette tagliare quasi mezz’ora di pellicola. Vi erano stati persino casi di gente che si era sentita male alla visione delle scene raccapriccianti, quali ad esempio la mutilazione di Olga perpetrata dai freaks per vendetta e la castrazione del forzuto amante di lei, il quale nella scena finale del film compariva effemminato e cantava in falsetto. Dopo la visione del film una donna subì un aborto spontaneo.

Il film fu vietato dalla Germania nazista dal 1933 al 1945, nel Regno Unito la visione fu vietata fino al 1964, fu vietata la visione nella città di Cleveland negli Stati Uniti e anche nell’Italia fascista fu vietata la proiezione. Il film uscì in Italia solo all’inizio degli anni 70, e solo in televisione, dopo essere stato doppiato su richiesta della RAI.