American Horror Story 1×04: recensione dell’episodio

562
American Horror Story 1x04

Anche questo quarto episodio di American Horror Story si apre con un flashback. E’ Halloween del 2010, la mattanza dell’uomo in tuta fetish ricade sulla sorte di Chad e Patrick, una coppia gay in rottura, risiedente nella villa degli orrori.  In American Horror Story 1×04 Ben e Vivien finalmente si decidono di chiamare un interior designer per rimodernare un pò la villa per poterla finalmente vendere. Nella casa dei vicini, Constance minaccia la figlia, e le ordina di star lontano dal suo nuovo boy tot, dopo averla vista scherzare con lui, dati i precedenti passati con gli altri uomini.

Ben continua a essere l’eroe tragico e tormentato in questa storia horror, prima da Larry che gli sta addosso per i mille dollari che gli deve per averlo aiutato a far sparire la sua amante, ma lo liquida bruscamente. Tate viene ricevuto finalmente dal padre di Violet per capire come lui fosse riuscito ad aiutare le donne di casa dal tentato omicidio, e per pietà e professionalità decide di riceverlo nuovamente dopo averlo allontanato per proteggere la figlia. Vivien fa installare in casa un nuovo sistema di allarme da un vigilante, per poter stare più tranquilla, mentre Moira incide delle zucche per Halloween. Gli arredatori interni arrivano, e non sono nientemeno che Chad e Patrick, che per farla comparire nelle riviste di arredamento devono rendere tetra la casa per la festività.  Ben si taglia mentre decora una zucca, e viene soccorso da Patrick che dopo un’attenta medicazione cerca un approccio sessuale, non contraccambiato.

Ne American Horror Story 1×04, i dubbi su chi fosse l’uomo in lattice forse svaniscono, a quanto pare sembrerebbe Tate a indossare la tuta, ma che ruolo abbia in questa storia è ancora poco chiaro, come non lo è se in tutte le occasioni passate sia stato lui ad indossarla, o qualcos’altro. Il carattere di Ben finalmente fuoriesce, con Tate, piange, si sente impotente difronte ad un destino che sembra remargli contro, ed è consapevole di aver rotto il collante che tiene unita la sua famiglia tradendo la moglie, e che non riesce più a sistemare anche dopo essersi trasferiti. Constance decide di esaudire il desiderio della figlia, vestendola da bella ragazza, invece di fargli indossare il solito costume da Snoopy, rendendo Alelaide la bambina più felice del mondo.

In casa Harmon le cose peggiorano, Vivien durante un litigio con il compagno, si sente male e sono costretti a correre in ospedale, lasciando Violet sola in casa. La fine dell’episodio è molto movimentata. Arrivati in ospedale, un’infermiera mentre osserva le condizioni del bambino sul monitor durante l’ecografia, sviene, Adelaide invece, viene investita da un pirata della strada e muore sotto gli occhi di Constance, e Violet rimasta in casa da sola viene spaventata da un uomo con metà faccia ustionata che cerca il padre per un debito di denaro, ma il suo vero problema è un altro, in agguato c’è l’uomo nero.