C’era una volta 1×15: recensione dall’episodio

928
C'era una volta 1x15

Ormai è innegabile: nella serie della FOX  non c’è neanche un po’ di spazio per la monotonia. Storybrooke versa in una situazione particolarmente tesa: Kathryn è scomparsa, lasciandosi dietro un mistero che non permette a Mary Margaret e David di vivere finalmente la loro storia. Nella smania di ‘rendersi utile’, scopriamo una Ruby insospettabilmente in gamba che, stanca della monotonia del Bed & Breakfast, lavora temporaneamente come assistente dello Sceriffo, totalmente assorbito dal caso di Kathryn.

E’ più o meno dall’inizio della serie che i fan fremono dalla voglia di conoscere l’identità ‘stroybrookiana’ del lupo cattivo e, finalmente, ecco la fame di conoscenza saziata: nel mondo delle fiabe conosciamo una Nonnina non poco agguerrita e una Cappuccetto totalmente succube del suo controllo. Un lupo minaccia il villaggio e un gruppo di cacciatori decide di porre fine al terrore seminato dalla bestia. La Nonnina, che sembra sapere molto sul terribile lupo, sconsiglia ai cacciatori di affrontarlo, ma resta inascoltata. In questo clima Cappuccetto si trova intrappolata in casa e non riesca a vivere la sua adolescenza come vorrebbe e, soprattutto, non riesce a vivere la storia d’amore con Peter. E’ in questo frangente che incontra Neve che, fuggiasca, cerca un rifugio. Senza fare troppe domande, Cappuccetto l’accoglie e, insieme, decidono di liberare il villaggio dalla minaccia del lupo iniziando le loro indagini sulla bestia.

A Storybrooke Ruby, con un fiuto a dir poco animalesco, trova David svenuto e confuso nel bosco. David, che si scopre vittima di vuoti di memoria, torna ad essere il sospettato numero uno riguardo la scomparsa di Kathryn. Intanto le ricerche di Cappuccetto e Neve continuano: le due scoprono che il mostro che sta terrorizzando il villaggio non è un comune lupo… Ruby continua a seguire il caso Kathryn e riesce a trovare, sepolto nel bosco, un portagioie in cui è custodito un cuore umano e sul quale vengono trovate delle impronte: la sospettata numero uno, adesso, è Mary Margaret. Le indagini nel mondo delle fiabe procedono su una linea altrettanto macabra: tutto conduce a Cappuccetto… mai sentito dire che abbiamo tutti una parte oscura? Ebbene, in certi sembra essere più accentuata che in altri.

Unire protagonista e antagonista nella stessa persona è un espediente che va oltre ogni immaginazione e che risulta, ancora una volta, vincente. A rendere il tutto più interessante, l’atmosfera un po’ dark e le scene crude dei corpi scempiati dal Licantropo. Insomma, un episodio alquanto succoso e che sembra confermare la linea tutta al femminile di C’era una volta.

Once Upon a Time 1×15 (C’era una volta)

Once Upon a Time (C’era una Volta) è la nuova serie tv ideata da Edward Kitsis e Adam Horowitz per il network americano della ABC. La serie tv prende in prestito elementi e personaggi dal mondo Disney e dalle più popolare letteratura occidentale, folklore e fiabe.

In Once Upon a Time (C’era una Volta)  proprio quando sembra che Storybrooke possa godersi po’ di pace la città viene ancora una volta minacciata da forze oscure. Il malevolo Mr. Hyde è stato separato dal dottor Jekyll e ha portato con sé i suoi compagni, gli abitanti della Terra delle storie mai raccontate. A peggiorare le cose c’è la metà oscura di Regina – La Regina Cattiva – che è ancora viva nonostante il suo cuore sia stato schiacciato: non possedendo una coscienza la Regina Cattiva ha dichiarato guerra agli eroi. Nel frattempo il passato di Aladdin come precedente Salvatore diventa un nuovo fattore nel ruolo di Emma come attuale Salvatrice, ed essa è in procinto di essere spinta ai limiti, che la potrebbero portare ad un futuro senza lieto fine. Nel frattempo Gold cerca di riavere di nuovo il cuore di Belle in modo che possano essere una famiglia per il loro futuro bambino. Belle dà alla luce suo figlio ma per proteggerlo da Tremotino decide di abbandonarlo e di metterlo al sicuro con Fata Turchina come Fata Madrina del suo piccolo. La Regina Cattiva intanto decide di rubare la lampada del Genio dove è rinchiuso Aladdin.