Comic-Con 2013: la reunion di X-Files

    159

    Comic-Con-The-X-Files-20th-Anniversary

    In occasione del ventennale debutto di The X-Files, è stato organizzato all’interno del Comic-Con una reunion con l’agente speciale Fox Mulder, alias David Duchovny e l’agente speciale Dana Scully alias Gillian Anderson, presente anche il creatore della serie Chirs Carter, gli autori e i produttori David Amann, Vince Gilligan, Howard Gordon, Darin Morgan, John Shiban e Jim Wong.
    Durante il panel sono stati analizzati i punti salienti della serie; come l’analisi dei due personaggi ed in proposito David Duchovny sottolinea “Non mi rendevo conto che Mulder fosse così fico fino a pochi anni fa“. E riguardo alle curiosità dei fan sulla coppia Mulder-Scully, la Anderson risponde “Qualcosa è successo. Perché abbiamo un bambino…e si abbiamo girato qualche scena di sesso. Saranno da qualche parte“.
    Inoltre sono stati affrontati anche dei confronti tra la serie e l’attuale panorama televisivo e in merito a questo Vince Gilligan dichiara “Non ci sarebbe stato nessun Breaking Bad senza X-Files“.
    Il resto del panel ha affrontato le vite dei due attori dopo X-Files e dei loro progetti, l’intero cast artistico ha risposto alle domande dei fan e del moderatore riguardo a delle rivisitazioni del format, nei fumetti o con un nuovo ciclo di serie ed inevitabile è stato chiesto a Chris Carter se pensa ad un eventuale film, “Potremmo farlo in un secondo momento” completando così, un eventuale trilogia cinematografica.
    Il riassunto dettagliato dell’intero panel lo trovate qui.

    Comic-Con-The-X-Files-20th-Anniversary(2)

     
    Articolo precedenteComic-Con: l’addio di Dexter
    Articolo successivoRay Donovan 1×03 – recensione
    Sono un appassionata di Cinema e Serie televisive americane, motivo per cui mi sono iscritta all'università e mi sono laureata in Saperi e Tecniche dello Spettacolo Digitale presso l'università La Sapienza in Roma dove ho conseguito anche un Master di Primo Livello in Montaggio Video e Audio. Amo costruire strutture per immagini e scrivo per piacere, pensando che le due cose sono molto simili ma con grammatiche diverse. In fondo per me, scrivere una frase è come mettere insieme una scena.