Ray Donovan 1×03 – recensione

567

Ray-Donovan

La terza puntata di Ray Donovan si svolge in una giornata; le prime sequenze ci mostrano Ray di ritorno a casa dopo cinque giorni d’assenza; inevitabile sarà lo scontro con Abby (Paula Malcomson) per il suo comportamento riguardo a suo padre e i silenzi di quest’ultimo sottolineano ulteriormente la sua riluttanza nell’affrontare l’argomento. Questo episodio scatena in lui la solita rabbia che riverserà nei confronti del vicino, il rapper Re-Kon, che inseguito aiuterà per ottenere l’affidamento di un ragazzino prodigio nella musica rap, Marvin Gaye Washington. Nel mentre Mickey (Jon Voight) tenta di avvicinarsi agli altri figli, mentre l’FBI è sulla ricerca di prove nei confronti dei Donovan.

Ray-Donovan-1x03-2 La storia non presenta grandi novità a livello narrativo, poiché la sceneggiatura di Ron Nyswaner  tende a sottolineare le conseguenze di questa “latente” faida, fatta di ricche minacce e presentimenti tra Ray e Micky; questi comportamenti, ancora poco chiari al pubblico, portano a diverse forme di attriti tra i vari personaggi che gravitano intorno alla loro vite. Abby mossa dall’amore per Ray e dalla pietà per Mickey, si mette tra due fuochi non conoscendo realmente le motivazioni di Ray, facendo sembrare il suo comportamento quasi una ripicca e una “vendetta” nel momento in cui trascina anche i suoi figli in questo litigio; ma sono sentimenti che non le si addicono e che non riesce a mantenere del tutto. Bunchy (Dash Mihok) rappresenta il personaggio più debole e in bilico della serie per via del suo passato e del suo essere ancora fortemente traumatizzato per essere stato violentato dal prete del suo quartiere; quindi come un bambino, cercherà l’affetto del padre che però dimostra di essere incapace e ignorante di fronte ai traumi del figlio. Invece, chi subisce la minaccia vera presenza minatoria di Micky è Erza (Elliott Gould), nelle precedenti puntate lo abbiamo visto sempre ansioso, mentre nella scena della festa si mostra indifeso e terrorizzato quando vede Mickey in sala. Chi sembra non subire la gravità del conflitto familiare è Terry (Eddie Marsan) preso dai suoi problemi di Parkison o forse consapevole dei caratteri ed inevitabilmente delle motivazioni che stanno spingendo Ray e Mickey a creare le premesse di una guerra.

Ray-Donovan-1x03-3In Twerk si analizza il conflitto e viene introdotto un nuovo personaggio, ovvero “l’eminenza grigia” della seria, l’agente federale Van Miller (Frank Whaley), che vuole da Mickey informazioni su Erza, Lee (Peter Jacobson) e suo figlio Ray per metterli definitivamente in carcere; aiuto a cui Mickey sembra non possa sottrarsi e di cui non è entusiasta. Questo di fatto, introduce un ulteriore avvicinamento all’oscuro passato di Ray e ai motivi per cui lo hanno spinto verso Erza e che questioni ha in sospeso quest’ultimo con Mickey; inoltre le motivazioni per cui ha mandato suo padre in carcere e non ultimo, quali reati ha commesso per essere indagato dai federali.