“I’m the Doctor and I save People!”: un’affermazione netta che non lascia spazio a esitazioni e segna un punto di svolta definitivo nel carattere di quel dodicesimo Dottore ruvido e scostante che abbiamo imparato ad amare la scorsa annata: puntuale come sempre ad allietare la fine delle vacanze estive, Doctor Who si prepara a tornare sulla BBC a partire dal 19 settembre, con una nona stagione pronta a proseguire con successo il revival della longeva serie di fantascienza iniziato nel 2005.Doctor-Who-Season-9-1748x984

 

Superato il trauma iniziale del passaggio da Matt Smith a Peter Capaldi, grazie alla formidabile interpretazione dell’attore scozzese nessuno sembra avere più dubbi sulla riuscita della nuova incarnazione del personaggio, mentre piuttosto discusso resta invece il successo di Clara Oswald, companion del Dottore sin dall’era dell’Undicesimo: amata da molti e odiata da altrettanti, la giovane insegnante interpretata da Jenna Louise Coleman sarebbe dovuta uscire di scena nello scorso Speciale Natalizio “Last Christmas“, ma il ripensamento dell’attrice ha costretto Steven Moffat a riscrivere in corsa lo script dell’episodio.

Nonostante le perplessità di alcuni sulla direzione di Moffat (molti invocherebbero un cambio della della Guardia anche a ragione del suo impegno con l’ormai popolarissima serie tv Sherlock), i trailer mostrati dalla BBC sembrano annunciare una stagione al massimo della forma che fra mostri vecchi e nuovi come i Dalek e o gli Zygon, misteriosi nemici senza nome e attesi ritorni, non rinuncerà a gettarsi nell’avventura più sfrenata: nessuno dubitava del ritorno di Missy, arcinemesi del Dottore tornata con sembianze femminili e interpretata da Michelle Gomez, ma la curiosità è alle stelle per scoprire qualcosa di più sull’ambiguo personaggio interpretato da Maisie Williams, vecchia conoscenza del Dottore e che potrebbe presto diventare un recurring character; sul fronte dei buoni non mancheranno Kate Stewart, figlia dell’omonimo Brigadiere e capo della UNIT, e Joivan Wade nel ruolo di Rigsy, il writer di strada che aveva già aiutato Clara nel terrorizzante episodio “Flatline“.

Arriva invece proprio in queste ore la notizia che tutti i fan della famiglia “Pond” attendevano da tempo: nonostante la sua dipartita ufficiale nell’episodio The Name of the Doctor, la moglie del Dottore River Song tornerà nuovamente nella serie in occasione del prossimo speciale natalizio, come sempre scritto dallo stesso Moffat: ancora inediti i dettagli su come il personaggio interpretato da Alex Kingston e rivelatosi così importante dai tempi di Silence in the Library potrà tornare nonostante la sua intricata linea temporale (era stata introdotta al pubblico proprio in occasione della sua morte) si fosse ormai apparentemente conclusa con l’Undicesimo.Doctor-Who-Season-9-Trailer

Dopo gli eventi del Christmas Special, Il rapporto fra Clara e il Dottore tanto sofferto e messo alla prova in diverse occasioni nel corso dell’ultima stagione si è finalmente stabilizzato: ancora provata dalla morte di Danny, Clara cercherà di superare il dolore gettandosi a capofitto nei viaggi col Signore del Tempo e lasciandosi definitivamente alle spalle ogni distinzione fra la sua vita sulla Terra e quella da companion mantenuta in passato con tanta fatica nel tentativo di proteggere il suo amato: per quanto riguarda il Dottore troveremo invece una figura dotata di minore insolenza, maggiore consapevolezza e decisione nell’aiutare gli altri ma non meno avventata, sconsiderata e folle che in passato; nonostante alcuni stuzzicanti indizi da parte di Steven Moffat abbiano acceso nuovamente le speranze dei fan, resta ancora invece da vedere se verrà davvero plasmato un collegamento con l’episodio dell’era Russell T. Davies The Fires of Pompeii, dove Peter Capaldi ha incontrato per la prima volta il Dottore vestendo gli umanissimi panni di un patriarca pompeiano.maisie_williams doctor who

Epica, avventura, paura e sorrisi: questo è tutto quello che chiediamo a Doctor Who e che gli autori ci promettono a gran voce a partire dal primo episodio, The Magician Apprentice: per una magia unica, che solo il volo della cabina blu riesce a regalarci.

Articolo precedenteMasters of Sex 5×08 recensione dell’episodio con Michael Sheen
Articolo successivoFargo 2: Intervista a Patrick Wilson “Sarà una stagione epica”
Nata a Palermo nel 1986 , a 13 anni scrive la sua prima recensione per il cineforum di classe su "tempi moderni": da quel giorno è sempre stata affetta da cinefilia inguaribile . Divora soprattutto film in costume e period drama ma può amare incondizionatamente una pellicola qualunque sia il genere . Studentessa di giurisprudenza , sogna una tesi su “ il verdetto “ di Sidney Lumet e si divide quotidianamente fra il mondo giuridico e quello cinematografico , al quale dedica pensieri e parole nel suo blog personale (http://firstimpressions86.blogspot.com/); dopo alcune collaborazioni e una pubblicazione su “ciak” con una recensione sul mitico “inception” , inizia la sua collaborazione con Cinefilos e guarda con fiducia a un futuro tutto da scrivere .