Glee 5×15 recensione dell’episodio con Whoopi Goldberg

    1091

    0906-glee-split-2

    Il quindicesimo episodio di Glee è ambientato nella Grande Mela: il liceo è finito, ed ora siamo nel mondo degli adulti, Bash, che letteralmente significa urtare con violenza, pestare, inizia con una fiaccolata, in cui i protagonisti cantano No one is alone, fino al luogo in cui un ragazzo gay è stato malmenato per il suo orientamento sessuale – anche se all’inizio sembra una persona molto vicina ai nostri protagonisti.

    glee-5x15Per Rachel (Lea Michele), si avvicina la prima dello spettacolo, e la ragazza oltre a partecipare alle prove deve affrontare la verifica di metà semestre, e per questo motivo chiede una serata libera al produttore, che gliela concede riluttante. Rachel sostiene il suo esame, che inizia bene, lo si nota dall’espressione di Madame Tibideaux (Whoopi Goldberg), ma nonostante tutto Rachel viene bocciata perché a metà dell’esibizione fa intervenire Blaine (Darren Criss), bocciato anche lui, trasformando l’assolo in un duetto, con Broadway Baby. La preside si rende conto però di aver esagerato, e dà la possibilità ad entrambi di ri-esibirsi in settimana individualmente. Rachel però sa che non riuscirà ad ottenere un’altra serata libera, e per questo motivo decide di lasciare la NYADA. Kurt (Chris Colfer) cerca di far ragionare l’amica ma con scarso successo, e i due litigano. Anche se in negativo bisogna comunque essere contenti per questa svolta, dal momento che la storyline di Rachel era bloccata da troppo tempo. In seguito Kurt si trova ad assistere ad un pestaggio di un altro ragazzo omosessuale, e decide di intervenire per difendere la vittima, diventando così lui stesso il bersaglio della banda. Viene lasciato inerte a terra ma fortunatamente lo ritroviamo in ospedale fiero di ciò che ha fatto. Andandolo a trovare, Blaine canta Not While I’m Around.
    glee-5x15-2Già dalla scorsa puntata Sam (Chord Overstreet) e Mercedes (Amber Riley) avevano iniziato a dare segni di riavvicinamento, e infatti i due si rimettono insieme; ma la Black Queen non è molto convinta, anche se basta una passeggiata sull’East River, accompagnata da You Make Me Feel Like a Natural Woman di Aretha Franklin (di cui bisogna assolutamente lodare la location e la coreografia), a farle cambiare idea. Presenta così Sam alle sue coriste, che le fanno notare che lei è un’importante cantante ormai, e in quanto nera non può permettersi di avere un ragazzo “albino” come Sam, e per questo motivo lo lascia. Basta però vedere Kurt in ospedale per farle capire l’assurdità della sua decisione, e canta Colorblind, brano d’esordio dell’attrice/cantante. L’episodio si conclude con I’m Still Here, cantata all’interno dell’appartamento di Rachel e Kurt dove settimanalmente si tiene la loro cena con gli amici.

    Per quanto abbiamo visto fino ad ora possiamo dirci soddisfatti della piega che sta lentamente prendendo questa quinta stagione, in questo episodio in particolare Murphy torna ad affrontare temi importanti, portando comunque avanti la storyline in modo coerente.