Gotham 1×16: recensione dell’episodio con Cameron Monaghan

The blind fortune teller, episodio 16 della serie FOX Gotham parte dal Mase, la squallida prigione di Fish Mooney (Jada Pinkett Smith). La serata al circo di Jim (Ben McKenzie) e Lee (Morena Baccarin) prende una piega inaspettata. Prima una rissa tra clown e trapezisti, poi il ritrovamento di una donna morta costringeranno il detective e la bella coroner agli straordinari. Gli stessi che dovrà fare Oswald (Robin Lord Taylor) per gestire il suo nuovo locale, contando però sull’aiuto di un vecchio ‘amico’.

 

Gotham-1x16Una risata – o meglio un ghigno – seppellisce questa puntata, brillante come le precedenti. Buon ritmo della storia, interessanti stacchi musicali e personaggi pittoreschi confezionano un episodio decisamente di buon livello. Il main plot non procede quasi per niente. La puntata è praticamente tutta incentrata sulla ricerca dell’assassino della donna ma senza diventare ‘Law and Order Gotham’ come accadeva nei primi episodi. Alla figura, nuovamente, centrale di Jim si affianca quella di Lee Thompkins, il medico legale conosciuta ad Arkham. La donna, entrata di prepotenza nella vita del detective ha portato la proverbiale ventata di aria fresca nel suo animo oscuro e solitario. Condividendo lo stesso luogo di lavoro, i due hanno molto spazio per confrontarsi e Lee riesce quasi sempre ad ampliare le vedute di Gordon, imponendo anche le proprie idee. Nonostante la sua formazione scientifica, pensa molto fuori dagli schemi e la sua spontaneità si incastra perfettamente tra gli spigoli del carattere del rigido Jim, migliorandolo. Il personaggio di Gordon ci guadagna in freschezza e simpatia, meno paladino della giustizia (serio ma alla lunga noioso) e decisamente più ‘umano’. Una trasformazione che segue un po’ quella dell’intera serie che, come già osservato nelle precedenti puntate, ha subito un prolifico restyling.

Gotham-1x16-2Due guest star di giornata si prendono gran parte della scena. La prima ha il volto (e il ghigno) di Cameron Monaghan che intrepreta Jerome, il figlio della donna del circo. Sembra essere toccato a lui l’importante ruolo di Joker, nemico numero uno di Batman. Se questo fosse vero – la produzione ha rilasciato solo un ambiguo trailer- l’attore californiano visto in Shameless, supera brillantemente la prova offrendo un paio di scene di ottimo livello. Più vicino all’interpretazione di Jack Nicholson che a quella di Heath Ledger, ci offre un Joker dal volto giovane ma su cui già traspare la follia che lo renderà così inquietante. Pittoresca e interessante la figura di Paul Cicero, il cieco ‘fortune teller’ di cui si parla nel titolo abilmente impersonato da Mark Margolis. Nato a Philadelphia nel 1939, ha recitato in The Wrestler e Il cigno nero oltre a comparire in vari episodi di American Horror Story: Asylum, Breaking Bad e Oz.

VOTO: 4/5 stelle

RASSEGNA PANORAMICA

- Pubblicità -

ALTRE STORIE

- Pubblicità -