Homeland 5×06 recensione dell’episodio con Claire Danes

1071

Grazie all’aiuto di Hussein (Mehdi Nebbou), Quinn (Rupert Friend) è ancora vivo, ma le sue sfortune non sono finite. Nell’edificio in cui Hussein esercita la sua professione di nascosto dal governo tedesco, curando persone in difficoltà o senza assistenza sanitaria, arriva Hajik (Jarreth J. Merz), un jihadista pregiudicato appena uscito di galera a causa dei documenti classificati diffusi da Laura Sutton (Sarah Sokolovic). L’incontro con Saul (Mandy Patinkin) non porta i cambiamenti che Carrie (Claire Danes) spera, il suo mentore non le crede e le gira le spalle; sconvolta dal rifiuto di Saul e dall’ultimatum impostole da Jonas (Alexander Fehling), l’ex agente CIA decide di lasciare la Germania per non mettere più in pericolo le persone che ama. Nel frattempo, Saul capisce che le cose dette da Carrie sono vere e decide di aiutarla, ma Dar (F. Murray Abraham) glielo impedisce, costringendolo a usare misure estreme.

Homeland 5×06 è il classico episodio in cui tutto sembra andare male fino alla fine, fino al momento in cui un piccolo gesto blocca la catena di eventi negativi, permettendo alla storia di cambiare direzione. Il gesto in questione appartiene a Saul, che in un secondo momento riesce a vedere la verità nelle parole di Carrie e decide di aiutarla, andando contro a Dar e, quindi, alla CIA e finendo così sulla stessa barca della ex agente. Da qui anche il titolo dell’episodio, Parabiosis, ovvero l’unione artificiale di due organismi viventi che sviluppano un sistema fisiologico condiviso, una parola che può riferirsi a Saul e Carrie, il maestro e l’allieva. Sebbene divisi per molto tempo, i due sono uniti da un legame talmente profondo che non possono fare a meno di cercarsi e sostenersi a vicenda, come se da questo dipendesse la loro stessa vita. homeland 506 (3)Il gesto drammatico di Saul ha valenze positive e negative, perché se da una parte può facilitare la salvezza di Carrie, la comprensione della verità, la cattura della talpa e dei russi, dall’altra mette in cattiva luce Saul, facendolo apparire come il vero traditore, mentre Allison (Miranda Otto) toglie da sé ogni sospetto. Ora è di nuovo tutto nelle mani di Carrie; i documenti possono svelare il motivo per cui i russi hanno cercato di ucciderla e perché Allison Carr è una loro talpa, ma chi l’aiuterà? Saul è stato preso dalla CIA e, a meno che non riveli a Dar Adal la verità su Carrie, la sua storia non verrà creduta, Quinn è ancora in pessime condizioni e Jonas ormai le ha voltato le spalle.

Diretto da Alex Graves (Il trono di Spade) e scritto da Chip Johannessen e Ted Mann, Parabiosis non segna un aumento decisivo degli ascolti (1.35 m).

Il prossimo episodio, Oriole, andrà in onda il 15 Novembre su Showtime.