Sons Of Anarchy sotto accusa.

-

sons-of-anarchy-6Il creatore di Sons of Anarchy, Kurt Sutter, è stato accusato, insieme al network che trasmette la serie (FX) dal PTC (Parental Television Council) di non aver messo in guardia gli spettatori rispetto alla scena della sparatoria in una scuola presente nella premiere dello show, tornato in tv da appena tre giorni.
Sutter, proprio qualche mese fa, aveva dichiarato di aver inserito nel suo show un episodio di cronaca che ci teneva a rappresentare sul piccolo schermo, senza però far trapelare i dettagli sul preciso fatto reale a cui si sarebbe ispirato: dopo il massacro della Columbine High School, i discorsi su quanto sia facile ottenere un’arma, si sono fatti sempre più intensi in America, e non stupisce se Sutter, creatore di una serie tv i cui protagonisti vendono armi per vivere, abbia sentito il dover dire la sua sulla vicenda.
“Immagino che il PTC – ha detto lui stesso – sia fatto di brave persone, solo che non sono poi così intelligenti e intuitivi.. il fatto che vogliano controllare cosa guardano i miei bambini è terrificante. Il loro punto di vista, semplicistico e pericoloso è forse influenzato da certi gruppi religiosi e da persone con secondi fini che tendono pericolosamente alla censura. Tutto ciò è spaventoso, e non solo a livello creativo, ma a livello personale”. Si è poi scusato con gli spettatori infastiditi perché personalmente coinvolti in episodi del genere, per i quali soffrono ogni giorno, aggiungendo che riteneva l’episodio necessario proprio perché l’eroe (o anti-eroe) dello show ha un figlio che cerca di proteggere dalla sua vita di fuorilegge e, nello specifico, da contrabbandiere d’armi che, una volta vendute, nessuno sa come e da chi saranno usate.
Ma il Consiglio Televisivo dei Genitori non si ferma qui: sta premendo infatti sui suoi membri affinché contattino il Congresso per esprimere l’urgente bisogno di una soluzione in risposta alla violenta premiere di Sons Of Anarchy, che non solo ha mostrato una sparatoria ingaggiata da un bambino, ma anche stupri simulati e donne torturate.
E’ evidente che, fino ad oggi, il PTC non aveva guardato con molta attenzione lo show.

 
 
Dalila Orefice
Studentessa di Arti e Scienze dello Spettacolo con una passione per Harry Potter che sfiora i limiti del patologico. Il sogno di una vita? Carta, penna e un buon film.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -