The Bridge 1×06 – Recensione

    341

    thebridge_sstitle

    Marco Ruiz (Demiàn Bichir) e Sonya Cross (Diane Kruger) hanno finalmente qualcosa di nuovo per scoprire chi sia l’astuto e spietato Killer del Ponte: un testimone oculare. Nella casa dello psicanalista della polizia, Peter Meadows, era nascosta nell’armadio la figlia adolescente, Gina, che dichiara di aver intravisto l’assassino del padre. Tuttavia la ragazza è talmente sconvolta che ricorda ben poco del suo viso e non aiuta la polizia a ottenere un identikit soddisfacente. Riflettendo sugli omicidi avvenuti finora, i due detective trovano una nuova chiave di lettura nelle mosse del killer, che sembra agire sia per vendetta sia per giustizia sociale. L’ipotesi che la persona dietro questi omicidi sia o sia stato un poliziotto si fa sempre più concreta e, analizzando i fascicoli dei pazienti di Meadows, Ruiz trova la scheda del tenente Hank Wade (Ted Levine). Parlando con il capo di Sonya, il detective scopre molte cose sul passato della collega e sul legame profondo tra lei e Wade.

    thebridge1x06_ss05

    Nel frattempo i giornalisti Frye e Mendez decidono di tornare a Juarez per sapere di più su Cristina Fuentes, la giovane prostituta, da cui è cominciato. Grazie a delle fonti, scoprono nuove informazioni sul caso dei ventidue morti rinvenuti nella Casa della Morte e sul ventitreesimo cadavere di cui la Polizia di Chihuahua aveva nascosto l’esistenza: Rafa Galvan, il fratello del narcotrafficante. I sospetti dei giornalisti ricadono su Ruiz, che era a capo delle indagini, ma i due non sanno che i rapporti tra il poliziotto e la famiglia Galvan sono di altro tipo.
    Per Charlotte Millwright (Annabeth Gish) è tempo di cambiamenti. Dopo aver invitato nel suo ranch una vecchia fiamma di Tampa, Ray (Brian Van Holt), decide di farlo diventare suo socio negli affari del tunnel e di lasciare a lui il compito di trattare con Graciela Rivera.

    thebridge1x06_ss06

    Nel sesto episodio di The Bridge, intitolato ID, molti nodi vengono al pettine. Gli sceneggiatori ci premiano chiarendo le relazioni tra alcuni personaggi, di cui non capivamo l’origine del legame, e impostando nuovi collegamenti molto interessanti. Grazie alle intuizioni di Cross e Ruiz capiamo meglio le intenzioni e l’assenza di scrupoli del killer, che in ogni episodio si mostra sempre più deciso a raggiungere il suo obiettivo. L’episodio, scritto da Dario Scardapane e diretto da Alex Zakrzewski (CSI: NY Numb3rs), è ben strutturato e ci dà del materiale su cui riflettere e dell’altro su cui fare scommesse.
    Demiàn Bichir, Diane Kruger e Ted Levine ci offrono ancora delle interpretazioni cariche di emozione e molto convincenti, che ci fanno sentire un po’ di meno la mancanza del fantastico Thomas M. Wright nel ruolo di Steven Linder.