Upfronts fxIl network via cavo della FX ha reso noto il nuovo palinsesto per la stagione 2014/2015 che oltre alle già annunciate conferme propone, ovviamente, delle interessantissime novità. Innanzitutto è doveroso premettere che il network ha, di recente, comunicato la decisione di voler rinunciare al rating live ossia alla pubblicazione degli ascolti live o delle repliche nella stessa giornata. Si è deciso di optare unicamente sul rating live+3 ovvero sul calcolo degli ascolti nei tre giorni successivi alla trasmissione, che sono considerati più importanti e veritieri.

 

Premesso questo passiamo al menù elaborato per i telespettatori per questa nuova stagione. Tra le conferme non poteva certo mancare American Horror Story, la serie forse di maggior successo dello scorso anno. Giunta alla quarta stagione, quest’anno il sottotitolo della serie sarà Freak Show e racconterà le vicende di una patriota tedesca (Jessica Lange) la quale, trasferitasi a Jupiter in Florida, tenterà disperatamente di far sopravvivere una compagnia freak e il suo spettacolo.

Nonostante il costante calo di ascolti viene confermato anche The Americans, che però potrebbe essere giunto al suo ultimo anno. Keri Russel e Matthew Rhys continueranno così ad interpretare i coniugi Jennings, due spie sovietiche infiltrate negli Usa da 15 anni, durante la guerra fredda, che col tempo imparano ad amarsi e soprattutto ad apprezzare lo stile di vita yankee.

Unica novità dello scorso anno ad aver avuto conferma è il poliziesco The Bridge, mentre giunge alla sua sesta ed ultima stagione Justified ideato da Graham Yost e che vede come protagonista il duro U.S. Marshall Ryland Givens creato dalla penna di Elmor Leonard. Givens, sceriffo vecchia maniera, viene trasferito nel suo nativo Kentucky da capi superiori che non tollerano più i suoi metodi non convenzionali.

Rinnovati per la quarta stagione Louie eWilfred per il quale la quarta stagione sarà, per fortuna, anche quella conclusiva. Louie ruota attorno alla figura del suo mentore, padre e ideatore, oltre che interprete, Louie C.K., comico stand up che intervalla storyline per lo più sconnessi con sketch ed esibizioni live dei suo suoi spettacoli comici. Wilfried invece è una sit-com improbabile che vede protagonisti un uomo ed il suo cane “umanizzato”. Come detto giungerà al suo epilogo e crediamo che pochi se ne dispereranno oltre modo.

Confermata la sesta e settima stagione per la serie animata Archer, spy story creata da Adam Reed nel 2009. Sterling Malory Archer è una spia che lavora per l’Isis di New York, nome in codice “duchessa”. Abile, intelligente ma eccessivamente vanesio e propenso ai vizi, intervalla le sue indagini cambiando continuamente donne e abusando in alcool e quant’altro.

Cretao da Kurt Sutter nel 2008 è ormai un cult Sons of Anarchy giunto alla settima ed ultima stagione. Già la sesta sembrava potesse essere l’ultima ed invece i fan di questa serie avranno ancora modo di seguire le vicende dei motociclisti californiani che sfrecciano per le strade della costa occidentale e della valle di San Joaquim in particolare.

Parte bene la nuova serie Fargo che al suo esordio sfiora i tre milioni di spettatori (2,7 milioni) che vede per protagonista Billy Bob Thornton nei panni del criminale Lorne Malvo. Ispirato all’omonimo film dei Cohen del 1996, Fargo racconta la serie di crimini commessi da Malvo il quale trascina con se anche l’ingenuo e sprovveduto assicuratore Lester Nygaard (Martin Freeman). Sulle loro tracce sempre l’instancabile e tesdarda Molly Solverson (Allison Tolman), agente di polizia molto in gamba.

Come anticipato in apertura, la FX propone anche un discreto elenco di novità su cui spicca indubbiamente The Strain, thriller fanta-horror ideato, udite udite, da Guillermo Del Toro. L’idea nasce da una trillogia di romanzi scritti dallo stesso Del Toro e che narra la storia di un medico, il dott. Ephrem Goodweather (Carey Stall) il quale è a capo del cdc di New York (centro prevenzione malattie) incaricato di indagare su un misterioso virus. Non ci vorrà molto tempo per collegare il virus a fenomeni di carattere vampiresco. A fine giugno scorso l’esordio in America, superati i tre milioni di spettatori, più di Fargo!

Suscita grande interesse anche la nuova serie tv The Comedian interpretata dal grande Billy Crystal (anche co-produttore) e dall’astro nascente Josh Gad (Amore e altri rimedi). Crystal veste i panni di un vecchio e forse sorpassato comico di varietà il quale si ritrova, suo malgrado, a lavorare al fianco del giovane ed esuberante collega con il quale dovrà preparare un nuovo spettacolo. Novità ispirata all’omonima serie svedese.

Molto diversi sono anche i due avvocati di Chicago protagonisti di Braddock & Jackson interpretati da Martin Lawrence e Kelsey Grammer.

Nel genere commedia invece si inserisce perfettamente Married, serie tv che racconta la vita di coppia di due persone non più giovanissime che cercano di ritrovare il romanticismo perduto con l’arrivo dei figli e dei problemi quotidiani. Protagonisti Nat Faxon e Judy Green (Paradiso Amaro).

Già partito Tyrant (2,1 milioni di telespettatori) che si aspettava dall’estate scorsa. Dieci episodi creati da Howard Gordon e Gideon Raff, già autori del pluripremiato Homeland. Tyrant racconta le vicende di una famiglia americana che, per motivi di lavoro, si trasferisce a Tel Aviv, in una zona di guerra. Ambientazione e trama quanto mai attuali visti gli ultimi e drammatici eventi.

Quindi la novità che più ha fatto discutere e che si prospetta come la più “forte” a livello di impatto emotivo sembra essere You’re the wrost, storia di due tossicodipendenti che iniziano una relazione sentimentale.

di Gianluca Chianello