Wayward Pines 1×08 recensione dell’episodio con Matt Dillon

1490

A Revolution Is Coming! La cittadina di Wayward Pines si appresta a vivere un cambiamento. Un cambiamento importante che potrebbe determinare per sempre il futuro del “Posto più bello sulla Terra” (come recita il titolo dell’episodio, “The Friendliest Place on Earth”). L’ottavo episodio ha preparato il terreno per quello che ci aspetta nelle prossime due puntate, mostrandoci l’altro lato della medaglia: quello che apparentemente sembrava essere un meccanismo perfetto che non poteva incepparsi, rivela adesso tutte le sue debolezze. Ormai siamo di fronte a un sistema che deve necessariamente essere ripristinato se vuole continuare a reggersi sui dettami del “chiaro” e “severo”, come esplicitato da Megan (Hope Davis) al povero Ben (Charlie Tahan) in uno dei dialoghi più angoscianti dell’intera stagione.

Wayward Pines 1x08-3L’incidente che ha coinvolto il figlio del nostro Ethan (Matt Dillon) alla fine della scorsa puntata, infatti, ha indotto la cittadina di Wayward Pines a fare un passo indietro: il caos ha preso il sopravvento e la minaccia di una rivolta ad opera del gruppo di ribelli capitanati da Kate (Carla Cugino) e da suo marito Harold (Reed Diamond) continua a tormentare lo spirito del Dottor Pilcher (Toby Jones) e ad animare le ansie e le paure di sua sorella, l’infermiera Pam (Melissa Leo).

Se si vuole garantire la stabilità, bisogna cominciare dall’interno: solo così si può sperare che le scelte che abbiamo intrapreso riescano ad influenzare ciò che ci circonda. Wayward Pines 1×08 rivela tutta la fragilità di un universo che necessita di un’esplicita messa in discussione, dove è sempre più difficile riuscire a capire di chi potersi realmente fidare e dove sembra impossibile riuscire a comprendere davvero chi sia giusto punire, quando e soprattutto perché. Una fragilità che non appartiene solo all’intera comunità, ma anche ai singoli abitanti: la caratterista principale di questo episodio, infatti, è quella di averci mostrato ogni pezzo di questo puzzle, ogni pedina di questo intricato gioco a scacchi sotto una nuova luce. Perché chi ha creato, chi lavora per o semplicemente chi vive a Wayward Pines è un individuo che, a modo suo, ricerca costantemente la verità, disposto a spingersi oltre i limiti e a varcare confini che forse non andrebbero oltrepassati.

Wayward Pines 1x08-2Certezze e convinzioni che vacillano da una parte, fede e speranza che si fortificano sempre più dall’altra. A Wayward Pines non c’è spazio per le contraddizioni, per chi commette errori, per chi sceglie di “lasciare andare” invece che eseguire gli ordini. Quale sarà il futuro di tutti questi personaggi? Mai risposta a tale domanda fu più esauriente di quella fornita dalla sequenza finale di quest’episodio… perché restare a Wayward Pines vuol dire sopravvivere, ma decidere di andarsene significa soltanto morire.

VOTO: 3,5/5