White Collar 5×05 recensione dell’episodio con Matt Bomer

    845

    White-Collar_Event-banner

    Nella quinta puntata di White Collar, ritroviamo un episodio classico, in cui ci si allontana momentaneamente dalla storyline principale per vedere i protagonisti e comprimari risolvere un furto d’identità relativo ad un futuro ereditiere dell’alta società Newyorkese. La storia ci arriva da Elisabeth (Tiffani Thiessen), personaggio sempre un po’ marginale ma che anche in passato ha regalato degli ottimi spunti narrativi, e il suo lavoro di organizzatrice di eventi. L’azione viene innescata dal dubbio della signora Burke sulla personalità del suo cliente che durante il suo ingaggio nota gli inusuali gusti del suo amico di vecchia data. Questo elemento la farà insospettire a tal punto da chiedere aiuto e un indagine a suo marito Peter (Tim DeKay) e a Neal (Matt Bomer).

    white-collar-5x05

    Il duo, da poco ricostituito, architetterà l’usuale strategia che prevede un camuffamento di Neal, questa volta nel ruolo di un maggiordomo, che dovrà raccogliere prove sull’impostore e parallelamente registrare tutte le sue abitudini. Nel mentre Peter, costretto in questa puntata a casa malato, organizzerà l’operazione con tutta la sezione dei Colletti Bianchi al fine di smascherare la truffa e trovare l’ostaggio.
    L’episodio, diretto in maniera lineare fino alla risoluzione del caso, altro non è che un ritorno in vecchio stile delle puntate delle prime stagioni, in cui viene sottolineato l’acume e la duttilità di Neal e le strategie di Peter. La storia è contornata dai simpatici siparietti, portati in scena perlopiù da Mozzie (Willie Garson), questa volta alle prese con delle api, e all’ironia profonda che hanno i personaggi.
    La sceneggiatura scritta da Alexandra McNally e diretta da Jeff F. King risulta essere un buona pausa tra il ricatto dell’Olandese (Mark Sheppard) e i sospetti di Peter su Neal, ricordando e rinvigorendo i talenti e le abilità dei due protagonisti con un’altra bella storia di truffa. Un episodio che non si contraddistingue per nessuno elemento narrativo nuovo, ma si limita a fare una sorta di “passerella” ai suoi personaggi ma soprattutto lascia liberi gli attori d’interpretare la storia, in una struttura per lo più comica, che abbandona le tensioni per contornarsi di tempi e battute comiche.

    white-collar-5x05-1

    Controlling Interest si affida totalmente alla storia incentrata sulle tre guest star Richard Thomas, Zachary Booth e Kara Hayward e su cui i protagonisti hanno modo di poter spaziare le numerose sfaccettature dei loro caratteri. Un buon episodio che ritorna sull’intenzione di questa stagione, ritornare alle origini della serie, e allacciarsi al genere comico-poliziesco.