Array

White Collar 5×09 recensione dell’episodio con Matt Bomer

-

White-Collar_Event-banner

La nona puntata di White Collar riesce, con una curata tensione tra Neal e Peter, a parlare della storyline delle serie e nello specifico del rapporto tra il poliziotto e il truffatore evolutosi nuovamente in questa quinta stagione.

white-collar 5x09-2

L’episodio sceneggiato da Alexandra McNally riesce a sviluppare nella puntata una serie di svolte radicali all’interno della stagione e della coppia. Nella prima parte, assistiamo a un cauto rincorrersi tra Neal e Peter; tutto si innesca non appena Jones (Sharif Atkins) trova una delle monete d’oro gallese precedentemente rubate da Neal per Hagen. Naturalmente Peter informa Neal perché era un suo caso ma soprattutto per verificarne le reazioni. Difatti l’ex truffatore, gioca sulla difensiva sin dalle prime battute ma ciò non lo allontana dal tentativo di depistare le indagini, in molti snodi vedremo Neal riuscire a “sabotare” il tutto pochi istanti prima dell’arrivo di Peter, insinuando sempre di più il dubbio nella mente dell’agente. Il ritmo della puntata cresce negli indizi e si contrae nel momento in cui un Peter esasperato “interroga” Neal nella sua abitazione che attraverso un piccolo trucco è costretto a rivelare ogni cosa. Nei pochi minuti del confronto tra i due emerge tutta la bravura della coppia, che riesce a passare dai toni scherzosi della precedente puntata a quelli drammatici di quest’ultima. Tim DeKay con la sua rabbia e il suo senso di legge mostra di essere un uomo ligio al dovere ma anche un amico tradito e deluso per le aspettative della nuova vita che voleva per Neal. Quest’ultimo attraverso lo sguardo di Matt Bomer riesce ad emanare tutta l’insofferenza di essere “un criminale” che per quanto voglia gettarsi questa sua maschera alle spalle c’è sempre qualcosa che lo porta a ricorrere alle sue doti. Il resto della puntata mostra le ore “dopo la tempesta” Peter consumato dall’incertezza del compromesso, accettato solo per amore di Elisabeth (Tiffani Thiessen), e Neal divorato dal dubbio su ciò che deve fare e quanto ancora possa mostrare di sé a Peter.
L’unica pecca della puntata è il modo in cui vengono facilitati i collegamenti e le iterazioni tra i personaggi, quelle più inverosimili si collegano tutte a Rebecca (Bridget Regan) che ha mutato fin troppo velocemente la sua natura di studiosa d’arte a collaboratrice di Neal.

white-collar-5x09

No Good Deed diretta da Charlotte Sieling riesce a segnare la svolta nella quinta stagione di Jeff Eastin, molte storie parallele si devono ancora risolvere: Hagen, la promozione di Peter, “lo stile di vita” che vuole Neal e tutte quelle tensioni che questa puntata riesce a mostrare persino nell’ultimo dialogo – “Le cose cambieranno. Per Entrambi” “Già. Sarebbe ora” – e che la coppia dimostra di non tollerare.

Stefania Buccinnà
Sono un appassionata di Cinema e Serie televisive americane, motivo per cui mi sono iscritta all'università e mi sono laureata in Saperi e Tecniche dello Spettacolo Digitale presso l'università La Sapienza in Roma dove ho conseguito anche un Master di Primo Livello in Montaggio Video e Audio. Amo costruire strutture per immagini e scrivo per piacere, pensando che le due cose sono molto simili ma con grammatiche diverse. In fondo per me, scrivere una frase è come mettere insieme una scena.
- Advertisment -

ALTRE STORIE

- Advertisment -
- Advertisment -