White Collar 5×11 recensione dell’episodio con Matt Bommer

    1429

    White-Collar_Event-banner

    L’undicesima puntata di White Collar si conferma ricca di azione e poche spiegazioni, lo show di Jeff Eastin fa luce sul vero villain di questa serie, Rebecca Lowe. Tra lo stupore di Neal e la preoccupazione di Peter vedremo la coppia fare squadra per cercare di arrestare la rossa dal losco passato.

    white collar 5x11-2

    La sceneggiatura di Matt Whitney e Jessica Garasl riprende la storia esattamente dove si era interrotta precedentemente. Nei primissimi minuti assistiamo ancora alle perplessità di Neal (Matt Bomer) “sempre il truffatore e il mai truffato” che nelle ore della rivelazione scopre una nuova donna ma pur sempre una donna di cui si è innamorato. Per quanto riesca ad argomentare i suoi comportamenti e i suoi gesti difronte alla sezione dei colletti bianchi, sentire le sue parole di affetto lo mette profondamente a disagio e in contrapposizione con quello che dovrebbe provare. Peter (Tim DeKay) osserva il tutto con un leggero distacco, nei tempi passati avrebbe fatto di tutto per cercare una parola consolatoria ma questa è ancora lontana, intrappolata nelle trame delle bugie che Neal è costretto a rivelargli. Seppur i loro sentimenti di astio abbiano trovato una sorta di amnistia per combattere il nemico comune, questo non vuol dire che siano spariti del tutto ma restano sopiti in attesa di emergere nuovamente.
    Queste sospensioni narrative si alternano con l’azione di una vera caccia a un ricercato in cui Neal cerca interpretare il suo personaggio e Peter lo incastra, ma questa volta c’è troppo coinvolgimento e lei è troppo pericolosa e lo vediamo nel momento in cui spara a Neal come ammonimento creando così la preoccupazione generale su come si sta evolvendo la situazione. Dopo che ogni via di uscita dall’isola le è stata preclusa Neal continua a pensarla e ad agire in solitaria, nel breve incontro che hanno il truffatore mette in chiaro tutto, lontano dai microfoni e dall’FBI, quello che ne esce è una mezza dichiarazione a cui Rebecca (Bridget Regan) vuole fortemente credere ma che è contro la sua natura, quella natura che Neal conosce così perfettamente.
    Quando sembra che tutto abbia trovato “il giusto posto” Peter comunica a Neal la sua promozione e l’inevitabile trasferimento a Washington che in un primo momento egli manifesterà con entusiasmo, ma che in un secondo tempo vedremo essere un pretesto perfetto per ritornare a fare il ladro, ed ora che non c’è più nessuno ad ostacolarlo il Diamante sembra un obiettivo fin troppo facile.

    white collar 5x11

    Shot Trought the Heart diretto da Doug Hannah è un episodio interamente dedicato a Rebecca che mette da parte la sotryline per dedicarle tutti i tempi necessari per tratteggiare questo personaggio. Ancora poco chiare sono le sue motivazioni che vengono tenute in disparte per dosarle nelle ultime due puntate della stagione, ma questa scelta influisce su tutta la seconda parte della puntata, che ci regala un finale di facile interpretazione.