x_men_days_of_future_pastIl web è diventato troppo mainstream anche per i registi. Dopo che il caro Marc Webb si diverte a far trapelare alcune foto dal set di The Amazing Spiderman 2, anche Bryan Singer lo segue a ruota. Il regista è tutt’ora impegnato nel film X-men: Days of future past seguito del fortunato prequel X: Men l’inizio, e dopo averci mostrato i nuovi ingressi nel cast, dal sul profilo Twitter del signor Singer, giunge una foto strana ed alquanto inquietante con il nome di “I giocattoli di Magneto”. La foto in questione mostra un kit con strumenti di tortura di ogni tipo, segno che Magneto potrebbe aver sviluppato una predilezione per tecniche di persuasione estrema? Non resta che aspettare il 18 luglio 2015 quando vedremo Michael Fassbender nelle vesti del crudele e carismatico mutante della Marvel.x-men-days-of-future-past-torture-tools-set

Vi ricordiamo che nel cast sono confermatissimi ,  Halle Berry, Peter Dinklage e . Il film è ispirato ai fumetti di Chris Claremont e John Byrne dal titolo: “Uncanny X-Men” # 141 e 142 nel 1981. Tutte le info sul film nella nostra scheda: X-Men: giorni di un futuro passato. Tutte le news sul film invece sono nel nostro speciale: X-Men.

Tutta la foto gallery:

[nggallery id=222]

Fonte: Twitter

 

Articolo precedenteJJ Abrams e il suo amore per Star Wars
Articolo successivoEmma Watson scatenata nel trailer di This is the End
Nato e cresciuto in un piccolo centro vicino Napoli, Carlo fin da ragazzino, è rimasto sedotto dal mondo del cinema e dalle serie tv.  Lettore accanito di saghe fantasy (la sua preferita è Il Ciclo di Shannara), conosce a memoria le battute del film Marnie del grande Alfred Hitchcock; divoratore onnivoro di serie tv, è cresciuto tra la generazione di Beverly Hills e quella di Dawson's Creek anche se la sua serie tv preferita rimane Buffy. Adora tutto ciò che il regista JJ Abrams partorisce dalla sua mente, e vorrebbe essere il confidente di Steven Spielberg. Con una camera piena di gadget e DVD, Carlo si sente americano per adozione e coltiva il sogno di lavorare in una redazione giornalistica, ma soprattutto di  andar via dal piccolo centro dove vive per poter rincorrere il suo ormai più che ventennale sogno nel cassetto.