Bilbo Baggins

In attesa dell’uscita del primo film dedicato a Lo Hobbit, Lo Hobbit: Un Viaggio Inaspettato, racconteremo, un passo alla volta di tutti i personaggi principali che popolano l’universo del primo meraviglioso romanzo del Professore J.R.R. Tolkien e che vedremo presto sullo schermo grazie a Peter Jackson, che già tanto bene ha fatto alla mitologia tolkieniana e ai suoi fan di tutto il mondo.

 
 

Procederemo raccontandovi la storia e la vita di un personaggio per volta, aggiungendo più o meno particolare e dettagli in base a cosa sappiamo e a cosa ci racconta Tolkien stesso del personaggio in questione. Cominciamo subito e cominciamo bene con il signor Bilbo Baggins, Casa Baggins, Via Saccoforino, Decumano Sud, Contea. Bilbo è stato il primo hobbit creato e descritto da Tolkien, nonché il primo personaggio in assoluto partorito dalla sua mente. Leggenda vuole che il Professore fosse stato illuminato, durante un afoso pomeriggio estivo che stava trascorrendo a correggere compiti di letteratura, da una frase, che divenne una delle più famose del suo libro: “In un buco nel terreno viveva un’hobbit”. Da lì in poi nacque Bilbo Beggins, la sua famiglia i suoi vicini e tutto l’universo hobbit che ben conosciamo.

Nacque così Lo Hobbit. Bilbo è un Baggins da parte di padre, Bungo, amante della vita hobbit, sedentario, sobrio, rispettabile, da parte di madre, Belladonna Tuc, è appunto un Tuc, nota famiglia hobbit che covava, insieme a ricchezza e nobiltà, anche un seme di follia mai sopito del tutto. Le voci dicevano infatti che i Tuc discendessero da una fata, altre, più malevole, parlavano di legami con orchi.

Alla scoperta dei personaggi de Lo Hobbit: Bilbo Baggins

Bilbo Baggins

Tuttavia resta il fatto che anche nell’hobbit più rispettabile, così come sembrava Bilbo, c’era un seme di follia. E’ quasi sicuro che Bilbo Baggins sia il personaggio più caro all’autore, che riversa in lui molte delle sue qualità: amare il cibo semplice e i panciotti, ma anche avere madri intraprendenti e solide famiglie benestanti alle spalle. Bilbo Baggins è il protagonista della storia e si unisce alla compagnia dei Nani sotto spinta di Gandalf lo Stregone.

Dapprima riluttante, Bilbo Baggins si rivelerà fondamentale per la buona riuscita dei piani di conquista di Thorin Scudodiquercia e compagnia, contribuendo alla caduta del drago Smaug.

Il suo ruolo diventa fondamentale anche perché è lui il legame principale tra la storia de Lo Hobbit e de Il Signore degli Anelli. Proprio durante l’avventura con i Nani ,Bilbo Baggins entrerà in possesso dell’Unico Anello, rubandolo alla creatura Gollum che lo aveva custodito in precedenza per più di 500 anni. L’Anello rimane in possesso di Bilbo per ben 60 anni, fino a quando, nel giorno del suo 111esimo compleanno, lo lascia in eredità insieme a tutti i suoi averi a Frodo Baggins, suo nipote.

Inoltre è in questa circostanza che compare la famosa spada di spada bilbo baggins, conosciuta con il nome di Pungolo; lama elfica, trovata da Bilbo nella caverna degli uomini neri nel libro Lo Hobbit, insieme all’altra lama Glamdring (Battinemici) e Orcrist (Fendiorchi). Queste ultime due lame sono chiamate dagli orchi “martello” e “coltello”. Tutte queste spade sono di origine elfica e furono forgiate a Gondolin durante la Prima Era.

Bilbo Baggins

Il personaggio di Bilbo Beggins è indicativo di uno dei valori più importanti che vengono raccontati nei romanzi di Tolkien, ovvero il coraggio, quello autentico che nasce proprio dalla paura e che si trova negli angoli più nascosti, persino in una creatura piccola e indifesa come un hobbit. Gli altri hobbit che già conosciamo, con le dovute differenze, sono derivazioni e declinazioni di questo primo, simpatico e coraggioso hobbit.

Nella saga cinematografica di Peter Jackson, Bilbo è interpretato da Martin Freeman, attore inglese che è diventato famoso con il suo ruolo di John Watson nella serie tv Sherlock. Tuttavia nel film ci sarà posto anche per Sir Ian Holm, che ha già interpretato Bilbo Beggins ne Il Signore degli Anelli e che tornerà per alcune scene nel prossimo film di Peter Jackson.