cube-il-cubo-film

Diretto nel 1997 dal regista di origini italiane Vincenzo Natali, Cube – Il cubo è diventato negli anni un piccolo cult, a cui è seguito un sequel e un prequel. Di genere thriller, l’opera si è inoltre guadagnata un suo buon seguito di fan, attratti dalla sua struttura e dai colpi di scena. Il film è inoltre diventato fonte di ispirazione per quei film basati su sadici giochi in cui i personaggi devono trovare la soluzione agli indovinelli proposti per riuscire a sopravvivere, come il caso esemplare della saga Saw.

 
 

Ecco 10 cose che non sai su Cube – Il cubo.

Cube – Il cubo: la trama del film

1. È strutturato su pochi ambienti. Protagonisti del film sono un gruppo di persone che, senza ricordarsi come vi siano giunti, si ritrovano intrappolati in un cubo dal quale sembra esistere solo una via d’uscita, mentre ogni altra conduce ad una fine atroce.

2. I personaggi vengono sottoposti a sfide sempre più difficili. Nel procedere degli enigmi, i protagonisti si troveranno alle prese con un sempre maggiore livello di difficoltà, che li costringerà a ponderare bene le loro scelte prima di addentrarsi oltre, rischiando la morte.

cube-il-cubo-recensioni

Cube – Il cubo: il cast del film

3. È composto da attori poco noti. Per la sua natura di piccolo film indipendente, il film non ha potuto permettersi l’utilizzo di attori di richiamo, ma si è avvalso di alcuni interpreti divenuti poi celebri in seguito al film. Tra questi si hanno Maurice Dean Wint, Nicole de Boer, David Hewlett e Wayne Robson.

4. Il cast ha odiato una sequenza in particolare. Gli attori del film hanno dichiarato di aver particolarmente gradito la sequenza girata nella stanza di colore bianco, mentre quella meno apprezzata è stata quella nella stanza di color rosso, sia per la difficoltà che richiese per le riprese quanto per la sua natura particolarmente violenta.

5. Il regista voleva girare il film in ordine cronologico. Inizialmente il regista programmò le riprese secondo un ordine cronologico, ma tuttavia costretto ad abbandonare tale idea per via della difficoltà riscontrata nel funzionamento delle porte dei cubi.

Cube – Il cubo è in streaming

6. È disponibile in streaming. Per gli appassionati del film, o per chi desiderasse guardarlo per la prima volta, sarà possibile farlo grazie alla sua presenza su alcune popolari piattaforme streaming. Tra queste vi sono Chili, Apple iTunes e Netflix. Per riprodurre il film basterà noleggiarlo, acquistarlo o semplicemente sottoscrivere un abbonamento alla piattaforma di riferimento.

Cube – Il cubo: esiste un sequel

7. È stato realizzato un sequel del film. Nel 2002 viene realizzato un sequel del film intitolato Il cubo 2 – Hypercube. Il film ripropone pressoché la medesima struttura, solo con nuovi personaggi e nuove trappole da superare. La grande novità è data dalla diversa ambientazione, dove si introduce la quarta dimensione e l’iperspazio.

cube-il-cubo-streaming

Cube – Il cubo: il trailer del film

8. Ha attratto numerosi spettatori. Il film ha conquistato la curiosità di numerosi spettatori grazie al suo trailer, dove vengono brevemente presentati i personaggi e il contesto in cui si muovo. Non vengono tuttavia mostrati i numerosi pericoli a cui sono sottoposti, generando così curiosità negli spettatori, desiderosi di sapere come proseguiranno le avventure dei protagonisti.

Cube – Il cubo: il finale del film

9. Ha un finale inaspettato. Tra le cose che maggiormente hanno conquistato il pubblico vi è il finale del film, dove la vera natura dei protagonisti viene a svelarsi, generando un susseguirsi di situazioni inaspettate, che accentuano di conseguenza la crescente cupa atmosfera del film.

Cube – Il cubo: le recensioni del film

10. Ha ricevuto critiche generalmente positive. Sull’aggregatore statunitense di recensioni Rotten Tomatoes, il film riporta una percentuale di gradimento dei critici del 63%. Questi lodano in particolare la sceneggiatura e la messa in scena, funzionali alla tensione del film. Più alto è invece la percentuale di gradimento da parte degli spettatori, stabilita al 76%.

Fonte: IMDb