Goodnight MommyI gemelli Elias e Lukas attendono in un’immensa villa isolata nel mezzo della campagna viennese il ritorno della madre, giovane attrice reduce da una lunga convalescenza in seguito a un non ben precisato incidente. Al suo rientro però la donna sembra profondamente cambiata: presenta il volto completamente bendato in seguito a presunte tumefazioni che non permettono di scorgerne i lineamenti, oltre manifestare strani e inquietanti comportamenti, tra cui un’insolita freddezza nei confronti di uno dei due figli e una tendenza all’isolamento. Ben presto i due fratelli iniziano a sospettare che colei che è tornata e che ora vive assieme a loro non sia affatto la madre che conoscevano.

 

Dopo oltre due anni dalla sua prima folgorante e discussa apparizione alla 71a Mostra del Cinema di Venezia, finalmente approda anche sugli accaldati schermi estivi italiani Goodnight Mommy, ipnotico e perturbante thriller dalle venature vagamente orrorifiche e dalle cupe atmosfere nordiche firmato da Severin Fiala e Veronika Franz – moglie del celebre e provocatorio Ulrich Seidl, qui anche produttore – sotto forma di una malsana e inquietante narrazione che guarda tanto all’essenzialismo estetico delle ruvide pellicole di Haneke quanto a tutto un nutrito sottobosco di cinema psicologico di genere che a tratti omaggia persino il maestro Hitchcock. Usando uno spunto drammatico fra i più minimali e archetipici – una Casa, due Fratelli e una (presunta) Madre – le due registe austriache scavano nel profondo di un’apparente tranquillità quotidiana, ben resa dalle architetture razionaliste della grande villa che fa da palcoscenico alla morbosa vicenda, fino a farne letteralmente scaturire il marcio nascosto sotto la superficie come da manuale lynchiano.

Goodnight Mommy è un thriller ipnotico e perturbante

Chi è questa donna misteriosa così nervosa che non pare neppure riconoscere i propri pargoli? Perché si chiude ore nella sua stanza fingendo di dormire? E soprattutto, perché nessuno è ancora riuscito a vederne interamente il volto? Domande sospette che attanagliano tanto lo spettatore quanto i due piccoli protagonisti che, esattamente come due spauriti eroi di una fiaba nera nordeuropea, si trovano a convivere con un’entità femminile che percepiscono estranea e da cui ben presto credono di doversi difendere. Piccoli indizi vengono intelligentemente centellinati nel corso delle varie inquadrature estatiche e formalmente impeccabili, montate attraverso un freddo ritmo contemplativo che accresce ancora di più la tensione che si accumula col passare del tempo, fino a giungere a un epilogo tanto semplice quanto scioccante per la sua crudezza di realtà. Essenzialità, subliminali tocchi surrealisti e potere del mistero (nel senso hitchcockiano di qualcosa che lo spettatore non sa ma che i personaggi sembrano conoscere) sono le colonne portanti di una pellicola tagliente e disturbante, un incubo minimale che produce ribrezzo e meraviglia tanto quanto le brulicanti blatte allevate dai due giovani fratelli minacciati.Goodnight Mommy  film

RASSEGNA PANORAMICA
Matteo Vergani
Articolo precedenteHarley Quinn: il film è in sviluppo? Parla Margot Robbie
Articolo successivoGuardians of the Galaxy Vol. 2: Baby Groot sarà come Groot?
Laureato in Linguaggi dei Media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, studiato regia a indirizzo horror e fantasy presso l'Accademia di Cinema e Televisione Griffith di Roma. Appassionato del cinema di genere e delle forme sperimentali, sviluppa un grande interesse per le pratiche di restauro audiovisivo, per il cinema muto e le correnti surrealiste, oltre che per la storia del cinema, della radio e della televisione.